Il cortocircuito Scalfarotto

909

Ivan Scalfarotto

di Giuseppe Crimaldi –

Collegare il cervello prima di aprir bocca. E, meglio ancora, prima di prendere la penna per scrivere, giacché verba volant, sed scripta manent. E dire che a invocare l’aureo principio di minimo buonsenso era proprio lui, Scalfarotto Ivan da Pescara, classe 1965,  navigato politico e attivista italiano, impegnato meritoriamente per i diritti LGBT, già sottosegretario allo Sviluppo economico nei governi Renzi e Gentiloni, già candidato alla leadership nazionale del centrosinistra alle primarie de L’Unione del 2005 e dal 2009, già – nel 2013 -vicepresidente del Partito Democratico, eccetera eccetera eccetera.

49304785_10215175788121409_7766601047962812416_n

Peccato che oggi però Scalfarotto sia andato in cortocircuito, pubblicando un post su Facebook che testualmente recita: “Gli ebrei che fuggivano dalla Germania nazista e che nessuno volle hanno dato i sensi di colpa al mondo per decenni. Ora c’è una nave che cerca un porto e non lo trova. Quando questa follia sarà finita, niente sensi di colpa ipocriti, please: abbiamo guardato e voltato la testa”.

Che Ivan Scalfarotto sia un difensore delle minoranze, che  ad animarlo non siano volgari odi (tantomeno razziali) appare fuor di dubbio, come testimonia uno dei testi pubblicati sulla sua pagina-blog in cui biasima il fetido antisemita che ammorba l’Europa e buona parte del resto del mondo. E di questo gliene saremo grati sempre.

Ecco perché crediamo che quest’ultimo post su Facebook sia frutto di una espressione mancata, di un tilt lessicale. Insomma: plus dixit quam voluit. Fatto sta che paragonare la tragedia dei forni crematori, dei pogrom e delle persecuzioni che nei secoli hanno visto vittime gli ebrei di ogni dove e di ogni tempo con il dramma che vivono in queste ore i migranti in cerca di un porto sicuro è banale, approssimativo e forse anche un po’ volgare. Certi che si sia trattato di un cortocircuito, ci auguriamo che quelle parole e quel paragone fuori luogo vengano corrette al più presto. Grazie se riuscirà a capirlo, onorevole.

 

 

 

Condividi
Giuseppe Crimaldi

Giuseppe Crimaldi

Giuseppe Crimaldi, giornalista