Il diario di Augias Frank

AnnaFrank_

di Aldo Grasso –

Da quando idealmente è diventato il precettore di Stefano Coletta, direttore di Rai3, Corrado Augias sta vivendo una seconda giovinezza televisiva. Non solo la presentazione quotidiana di libri, ma prime serate dedicate a quella che sembra essere la sola vocazione bruciante del conduttore: la cultura, ultimo baluardo contro quella tv che ha cancellato il dominio estetico, come se i media appartenessero ad ambiti comunicativi insensibili alle malie del bello e alla vergogna del brutto. Giovedì sera, Augias ha raccontato la storia di Anna Frank, l’adolescente ebrea divenuta un simbolo dell’Olocausto: «Il diario di Anna».

Aldo Grasso

Aldo Grasso

Si è recato ad Amsterdam e ha mescolato racconti dal vivo e divagazioni personali (davanti alla statua di Spinoza), passeggiando per la città olandese, interviste, spezzoni di fiction, materiale di repertorio. I Frank, ebrei tedeschi, pensavano che l’Olanda fosse un rifugio sicuro, ma il 4 agosto del 1944 le SS fanno irruzione in un alloggio segreto ricavato sul retro di un’azienda di pectina di Amsterdam. Gli abitanti vengono deportati prima a Auschwitz e poi a Bergen-Belsen. Tra loro, un’adolescente che sogna di diventare una scrittrice.

index

Corrado Augias

Il 12 giugno di quest’anno quella ragazza avrebbe compiuto 90 anni. Ma la sua vita venne spezzata a soli 16 anni dall’orrore nazista. È rimasto il suo celebre diario, un regalo per il suo tredicesimo compleanno, quando ancora non viveva in clandestinità. Anna morì a 15 anni, di tifo, accanto alla sorella Margot tra il febbraio e il marzo del 1945.

arton153094

La prima edizione porta la data del 1947: Het Achterhuis (Il retrocasa, titolo originale) andò in stampa in Olanda con una tiratura iniziale di 3mila copie.

Nel 1950 il libro era già arrivato alla sesta edizione. La prima edizione italiana del Diario di Anna Frank venne pubblicata da Einaudi con la prefazione di Natalia Ginzburg nel 1954. Del libro esistono decine di trasposizioni teatrali, cinematografiche e televisive.

(Corriere della Sera)

 

Condividi