Il diritto di vivere da ebreo fiero

1-haaretz_the_good_life_photo-_yael_engelhart_20_1

Si sono riuniti all’Hotel Inbal di Gerusalemme decine di giornalisti ebrei provenienti da tutto il mondo per il Terzo Jewish Media Summit 2016 organizzato dal Gpo (Government Press Office). Alla Conferenza circa 50 redattori, corrispondenti, capi bureau, editori e opinion leader di molti dei principali mezzi di comunicazione ebraici che hanno discusso alcuni dei principali argomenti che Israele e la diaspora devono fronteggiare.

ayelet-shaked

Ayelet Shaked

isaac-herzog

Isaac Herzog

Tra i relatori il ministro della Giustizia Ayelet Shaked (Bayit Yehudi), il leader dell’opposizione Isaac Herzog (Unione sionista) il ministro degli affari strategici Gilad Erdan (Likud) e il leader di Yesh Atid Yair Lapid.

I principali temi discussi nel corso del vertice sono il pluralismo al Muro Occidentale, e lo scontro tra religione e Stato; prospettive della stampa palestinese e araba; implicazioni delle elezioni presidenziali degli Stati Uniti per Israele, l’ebraismo mondiale e l’antisemitismo e gli ebrei d’Europa.

gilad-erdan

Gilad Erdan

yairlapid

Yesh Atid Yair Lapid

“Israele, in generale, e Gerusalemme, in particolare, hanno sempre simboleggiato il centro spirituale, nazionale e culturale della vita ebraica – ha detto Nitzan Hen, Direttore del Gpo -; la capitale di Israele è il posto giusto per discutere i problemi e le difficoltà che caratterizzano la vita delle comunità ebraiche in tutto il mondo. La collaborazione con voi è strategica per lo Stato di Israele, ed è necessario creare un dialogo professionale continuo su temi che interessano la stampa in Israele e nel mondo”, ha concluso Chen.

rub -rivlin

Rub Rivlin

Anche il Presidente Rubi Rivlin ha partecipato al Summit. “Voi giornalisti del mondo ebraico siete come una finestra – ha dichiarato -. Molti al di fuori della comunità vi guardano per conoscere la comunità ebraica. E la comunità ebraica vuole che facciate sentire la loro voce. Molti giornali ebraici si chiamano: ‘La voce della comunità ebraica‘. Tuttavia, oggi forse più che mai, è necessario un altro tipo di lavoro. È necessario essere gli occhi e le orecchie della comunità. Insieme, dobbiamo combattere l’antisemitismo, quando e dove lo troviamo. E dobbiamo farlo insieme. ”

Il Presidente ha sottolineato che come israeliano e sionista “credo che l’Aliyah sia ancora il modo migliore di esprimere il vostro sionismo. Ma credo anche che ovunque si sceglie di vivere – in Europa, in America in Australia, in Asia o in Africa – si abbia il diritto di vivere da ebreo fiero”.

“Se dovete affrontare l’antisemitismo – è dovere dello Stato di Israele starvi vicino. E quando ci troviamo di fronte all’antisionismo – che è anche antisemitismo – avete il dovere di stare con noi “, ha concluso Rivlin.

(Mosaico)

 

 

Condividi