Il dramma di Manchester
Per le belve del terrorismo islamista
“Uccidere i bambini è lecito”

Manchester kamikazedi Eduardo Palumbo –

Lo Stato Islamico ha rivendicato l’attacco esplosivo alla Manchester Arena che la scorsa notte ha provocato 22 morti e almeno centosessanta feriti al concerto di Ariana Grande. In un comunicato diffuso su Telegram e attraverso i canali dell’agenzia Amaq, lo Stato islamico ha fatto sapere che “un soldato del Califfato” ha collocato “diversi pacchi bomba” in luoghi della città britannica dove si concentrano “i crociati”. Tra le vittime della furia islamista molti  bambini. Una tragedia nella tragedia. Una svolta vigliacca.

1495521174-jihad

rumiyahcover

Ma era tutto scritto. Nelle pagine insanguinate di Rumiyah ( tradotta in inglese, francese, russo, tedesco e cinese) la rivista del ramo mediatico dell’Isis, l’Alhayat Media Center, che per l’appunto edita Rumiyah, Roma in arabo. Una specie di nuova Bibbia, il gran contenitore del Califfato virtuale, lo strumento per la radicalizzazione a distanza di simpatizzanti e fondamentalisti sparsi per il mondo.

Georgina Benathy Callander con Ariana Grande in una foto risalente a due anni fa, postata sul profilo Instagram della ragazza, prima vittima identificata dell'attentato di Manchester. Un kamikaze si e' fatto saltare alla fine del concerto della popstar, provocando la morte di 22 persone e il ferimento di 59 persone. 23 maggio 2017. +++ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA+++

Georgina Benathy Callande, una delle vittime, con Ariana Grande

Probabilmente Salman Abedi, il ventitreenne nato a Manchester da una coppia di libici, il terrorista che si è fatto esplodere con la bomba, lo leggeva assiduamente. Avrà letto quell’articolo dove c’era scritto che “uno non dovrebbe addolorarsi per l’uccisione collaterale di donne e bambini miscredenti, perché Allah ha detto: ‘Non addolorarti per i miscredenti’. Invece, bisognerebbe realizzare che Allah ha decretato la loro morte dalla sua esatta giustizia e grande saggezza. Il combattente deve fare il massimo per portare avanti la causa di Allah, indipendentemente dal massacro collaterale prodotto tra le masse di infedeli”.

Saffie Rose Roussos aveva appena 8 anni

Saffie Rose Roussos, una vittma aveva solo 8 anni

Inoltre, si legge ancora che ci “si dovrebbe ricordare che gli infedeli hanno ucciso molte più donne e bambini musulmani. E, comunque, anche se non fosse così, sarebbe ancora consentito colpire le masse di miscredenti senza riguardo per le uccisioni collaterali di donne e bambini”.

Ed anche l’attacco alle chiese in Egitto era già scritte in altro articolo. “Gli attacchi contro le chiese dei cristiani sono benedetti da Allah. Perire in queste imprese è impresa solenne poiché è Allah che li ha guidati in questo percorso di fede. Uccidete i Mushrikin  ovunque essi si trovino. I sacerdoti, custodi delle chiese dei crociati, devono essere uccisi o posti in schiavitù, non vi è alcuna santità in loro”. Il Papa è definito il “Monaco che li guida”. Uccidetelo o, con il volere degli studiosi, sottomettetelo, poiché con le sue falsità divora le ricchezze del popolo. Si credono al pari livello di Allah”.

 

 

Condividi