Il Giro di Gino

5bd31fe34f2e3ef00a87da0ccde02a53_363717

Parte domani da Gerusalemme, nel nome di Gino Bartali, la 101ma edizione del Giro d’Italia di ciclismo. Gli organizzatori hanno scelto Israele per portare per la prima volta la partenza dell’evento, con le prime tre tappe, fuori dall’Europa, prima che la carovana dei campioni dei pedali si trasferisca in Italia per il resto della competizione.

Parte la 101a edizione del Giro d'Italia venerdì 4 maggio da Israele. Le tredici partenze all'estero della corsa rosa in un'infografica realizzata da Ansa-Centimetri, Roma, 29 aprile 2018. ANSA/CENTIMETRI

Parte da Israele e nel nome di Gino Bartali la 101a edizione del Giro d’Italia . Le tredici partenze all’estero della corsa rosa in un’infografica realizzata da Ansa-Centimetri

Il ricordo di Bartali, grande campione del ciclismo internazionale tra gli anni ’30 e ’50, morto tre anni fa, ha segnato l’avvicinamento al via della corsa rosa: il suo nome è già inciso sul Muro d’Onore nel Giardino dei Giusti nel Memoriale del Yad Vashem a Gerusalemme, e ieri è stato reso cittadino onorario di Israele dalle autorità del Paese.

422 680

Il presidente dello Yad Vashem, Avner Shalev, ha consegnato il certificato di cittadinanza commemorativa alla nipote del campione Gioia Bartali, alla presenza dell’Ambasciatore Italiano in Israele, Gianluigi Benedetti, e del Presidente Onorario del Comitato Grande Partenza Israele, Sylvan Adams.
Le tre tappe impegneranno i corridori nella prima con un circuito cittadino a Gerusalemme, poi in u na tappa da Haifa a Tel Aviv e infine nella corsa da Beersheba a Eilat. L’evento ha richiesto un grande sforzo organizzativo non solo da parte dei responsabili del Giro d’Italia, ma anche dagli israeliani. Il ministro della Cultura e dello Sport, Miri Regev, lo ha definito il singolo evento sportivo più costoso della nostra storia: “Israele – ha detto in dichiarazioni riportate dal ‘The Times of Israel’ – mostrerà che non siamo forti solo nell’alta tecnologia ma anche nel partecipare al grande circo sportivo mondiale.Chiediamo a tutti di venire a fare il tifo per i ciclisti, è un’opportunità unica per gli sportivi”.

a Safra Square

Safra Square

Enorme lo sforo per la logistica di tutto quanto gira intorno alla corsa con 600 giornalisti accreditati e 70 troupe televisive, 1.200 persone per lo staff tecnico e 4.000 poliziotti che garantiranno la sicurezza nelle tappe.

Sylvan Adams

Sylvan Adams

Le tappe israeliane sono state finanziate dal governo e dal miliardario canadese Sylvan Adams che ha già finanziato anche la costruzione di un velodromo a Tel Aviv inaugurato nei giorni scorsi. “Nel 1950 – ha raccontato l’uomo che vive ora in Israele – Amsterdam non aveva infrastrutture per i ciclisti poi hanno deciso di incoraggiare tutti ad usare la bici e ha creato le infrastrutture”. Ora Adams vuole provare a lanciare l’uso della bici di massa anche in Israele. Un progetto appoggiato dal governo israeliano che, ha spiegato il ministro Regev, investirà 3,5 milioni di euro per favorire la circolazione in bicicletta nel Paese.

(Ansa)

Condividi