Il giro di vite dello Shabak
“Distruggere le case dei terroristi
anche se non hanno ucciso nessuno”

img902291

La scena dell’agguato alla porta di Damasco di Gerusalemme dove vennero feriti due ebrei: Gavriel Lavi  e Yisrael Meir Nachumberg

di David Sinai –

Shabak, o anche Shin Bet,  (l’agenzia di intelligence per gli affari interni dello stato di Israele) sta chiedendo all’IDF di distruggere la casa di un terrorista arabo che ha compiuto un attacco a coltellate a Gerusalemme il mese scorso, nonostante il fatto che non sia riuscito a uccidere nessuna delle sue vittime.La richiesta di Shabak contraddice la posizione del procuratore militare dell’IDF, che fino ad oggi aveva ordinato che solo le case dei terroristi che riuscivano nella loro missione di uccidere gli ebrei abbiano distrutte le loro case.

Secondo la radio dell’esercito, Shabak chiede ora la demolizione della casa del terrorista che ha compiuto un attacco alla porta di Damasco di Gerusalemme che ha ferito due ebrei: Gavriel Lavi , 47 anni, è stato ferito gravemente mentre il 16enne Yisrael Meir Nachumberg è stato ferito moderatamente . Entrambi sono stati rilasciati dall’ospedale e il terrorista  venne eliminato dagli agenti di polizia.

 

Condividi