Il grido di allarme del Papa
“L’antisemitismo dilaga…”

Papa-Francesco-1000x600

Il Papa dà voce alla sua preoccupazione per l’eccesso di odio nel mondo. “Attualmente è per me fonte di grande preoccupazione la diffusione in più luoghi di un clima di cattiveria e rabbia, nel quale attecchiscono perversi eccessi di odio. Penso in particolare alla recrudescenza barbara, in vari Paesi, di attacchi antisemiti”.

Papa Francesco ad Auschwitz, bacia il palo delle impiccagioni alla Piazza dell’Appello

Papa Francesco ad Auschwitz, bacia il palo delle impiccagioni alla Piazza dell’Appello

“Anche oggi – annota Bergoglio nel corso dell’udienza ad una delegazione dell’ ‘American Jewish Committee’- vorrei ribadire che è necessario vigilare nei confronti di tale fenomeno: ‘La storia ci insegna dove possono condurre perfino quelle forme di antisemitismo all’inizio appena sottintese: alla tragedia umana della Shoah, in cui due terzi degli ebrei europei sono stati annientati’. Ribadisco che per un cristiano qualsiasi forma di antisemitismo rappresenta una negazione delle proprie origini, una contraddizione assoluta. Noi dobbiamo fare come quel padre, che aveva visto cose tragiche e non si stancava di trasmettere ai figli i fondamenti dell’amore e del rispetto. E dobbiamo guardare al mondo con gli occhi delle madri, con lo sguardo della pace”.

Papa Francesco ad Auschwitz-Birkenau

Papa Francesco ad Auschwitz

Il Pontefice rinnova l’appello per il dialogo: “Nella lotta contro l’odio e l’antisemitismo, uno strumento importante è il dialogo interreligioso, volto a promuovere l’impegno per la pace, il rispetto reciproco, la tutela della vita, la libertà religiosa, la salvaguardia del creato. Ebrei e cristiani, inoltre, condividono un ricco patrimonio spirituale, che permette di fare tante buone cose insieme. In un tempo in cui l’Occidente è esposto a un secolarismo spersonalizzante, sta ai credenti cercarsi e collaborare per rendere più visibile l’amore divino per l’umanità. E per attuare gesti concreti di vicinanza, contrastando la crescita dell’indifferenza. In un mondo dove la distanza tra i molti che hanno poco e i pochi che hanno molto aumenta ogni giorno, siamo chiamati a prenderci cura dei fratelli più indifesi: dei poveri, dei deboli, degli ammalati, dei bambini, degli anziani”.

Nel dialogo, dice il Papa, vanno coinvolte di più le giovani generazioni: “Nel servizio all’umanità, così come nel nostro dialogo, attendono di essere coinvolti in maniera più intensa i giovani, desiderosi di sognare e aperti alla scoperta di nuovi ideali. Vorrei perciò sottolineare l’importanza della formazione delle future generazioni nel dialogo ebraico-cristiano. L’impegno comune nel campo dell’educazione dei giovani è inoltre uno strumento efficace per contrastare la violenza e aprire nuove vie di pace con tutti”.

(AdnKronos)

 

Condividi