Il gusto di un’esistenza libera

Roma

di Pierluigi Battista –

Siamo stati in galera senza aver commesso reati e capisco che ora si scalpiti. Per cui, cautela, prudenza ma senza deridere e condannare chi non ha ancora perduto, nei gesti banali, il gusto di un’esistenza libera Eppure no, non riesco ad arrabbiarmi con quegli sciagurati che si assembrano sui Navigli. Mi preoccupano molto, questo sì, perché la loro condotta dimostra che non hanno afferrato bene il senso di una tragedia che ha strappato alla vita migliaia e migliaia di persone e sta portando alla rovina personale e sociale un numero incalcolabile di persone.

Pierluigi Battista

Ma arrabbiarsi, no. Perché abbiamo dovuto subire tutti un esperimento sociale mostruoso, la clausura, il confinamento in una caserma, gli arresti domiciliari che ci hanno mortificato, prefigurando un futuro che altro che la favoletta dolciastra e falsa del «ne usciremo migliori».

Navigli, Milano

La detenzione, la rinuncia collettiva ad alcune libertà fondamentali sono state accettate con disciplina. Negata la libertà di muoversi, di lavorare, di stabilire relazioni sociali. Conculcati il diritto allo studio, il diritto di proprietà delle cosiddette «seconde case» tassate anche nel periodo in cui non potevano essere raggiunte.

diritti moderni, sconosciuti alle autocrazie, alle dittature, ai totalitarismi, ai dispotismi, agli integralismi, i diritti di viaggiare, divertirsi, curare il proprio corpo, sdraiarsi al sole, frequentare liberamente cinema, teatri, musei, concerti, consumare.

Rmini, blitz in spiaggia

Tutto questo è stato accettato, anche a costo di un arretramento culturale che ha permesso non solo, inevitabilmente, di sanzionare, ma di insultare e definire «furbetti» le persone che si volevano muovere, e ha promosso la delazione da finestra, l’abbrutimento, il rito della riprovazione collettiva.

Siamo stati in galera senza aver commesso reati e capisco che ora si scalpiti. E quasi ci si commuove a vedere i baristi con gli occhi lucidi per aver venduto, dopo due mesi di guadagno zero, qualche caffè da asporto, a sentire il rumore dell’aspirapolvere con cui il negoziante sotto casa cerca di pulire il locale in disperata attesa, forse, di riaprire, ma senza più un euro in tasca.

Per cui, cautela, prudenza, responsabilità ma senza deridere e condannare chi non ha ancora perduto, nei gesti banali, il gusto di un’esistenza libera, fuori dalle gabbie, scandita anche dalle sciocchezze della vita quotidiana libera. Libera, certo. E ora, mettetevi quelle mascherine, proprio quelle che i soloni da task force non sono stati nemmeno capaci di assicurare. Liberi, ma distanziati, please.

 

 

Condividi