Il leader, i rosiconi
e le ghigliottine di cartone

000_1FI6JJ-640x400

Benjamin Netanyahu e la moglie Sara

 di Niram Ferretti –

Eccoli a rosicare, come si dice a Roma. Netanyahu si appresta al suo quinto mandato consecutivo come premier. Un record. Benny Ganz ha ottenuto un ottimo risultato, non c’è che dire, ma la sua coalizione non ha i numeri sufficienti per diventare maggioranza. Funziona così nelle democrazie. Si va a votare e dopo il voto si contano i voti e chi ne ha di più ha vinto. Però per quelli che volevano Netanyahu rimosso, che lo vogliono in prigione, questo risultato è disfunzionale.

Niram Ferretti 0

Niram Ferretti

Si sono attaccati alle toghe dei giudici, hanno portato ghigliottine di cartapesta in piazza, ci hanno detto che Netanyahu è come Ceausescu (Ehud Barak), che è come Erdogan (Benny Gantz), ma nonostante questo il Likud ottiene più voti del 2015 e fornisce la migliore prestazione elettorale dal 2003, quando con Sharon, che non era al centro di una forsennata campagna di delegettimazione giudiziaria, il Likud ottenne 38 seggi.

Il capo del partito Blue White Benny Gantz (2L) ei suoi migliori alleati Moshe Ya'alon, Gabi Ashkenazi e Yair Lapid

E’ fallito l’assalto di Benny Gantz, Moshe Ya’alon, Gabi Ashkenazi e Yair Lapid a Netanyahu

Non hanno ancora capito che cercare di disarcionare i leader politici attraverso le procure non paga più, che per disarcionarli, in una democrazia, occorre andare alle urne. Ma per capirlo bisogna essere democratici, e loro non lo sono.

Ora urleranno ancora più forte che Israele si avvia alla dittatura, che è solo questione di giorni. Bene. Che si trasferiscano altrove. Non qui in Italia dove ci stiamo avviando a un’altra dittatura, quella di Salvini, ce lo dice Scalfari, e se lo dice lui…non negli Stati Uniti, dove c’è un altro potenziale dittatore, ma ci sono molti altri paesi ospitali, la Svizzera per esempio.

Netanyahu ha diverse pecche. Non è un decisionista, ma un tattico, è troppo politicamente scaltro, gli piace gestire e non cambiare, la cautela è la sua filosofia, ma come antagonisti ha una compagnia di nani e ballerine che non sono assolutamente in grado di competere con lui. Quindi bentornato, nella speranza che cambi un po’ pelle, diventi più trumpiano, dia seguito alla sua promessa elettorale di annettere l’Area C in Cisgiordania, e si dia da fare per riformare l’Alta Corte. Si rivolga per questo ad Ayelet Shaked, ha un ottimo programma.

 

Condividi