Il Libano chiede aiuto all’Onu
“Israele sta per attaccarci”

epa07162809 Lebanese Prime Minister-designate Saad Hariri speaks during a press conference at his residence in downtown Beirut, Lebanon, 13 November 2018. Hariri regrets that Hizbollah has obstructed the formation of the government.  EPA/WAEL HAMZEH

Saad Hariri

Il Libano presenterà formale protesta al Consiglio di sicurezza dell’Onu per le recenti attività israeliane a ridosso della Linea Blu di demarcazione tra i due paesi, affermando che queste azioni sono “un preludio a un attacco israeliano contro il Libano”. Lo riferisce l’agenzia governativa libanese Nna, citando un comunicato del ministero degli Esteri di Beirut. “E’ in corso una vera e propria campagna di diplomatica e politica contro il Libano in preparazione di un attacco contro il paese”, si legge.

Untitled-4-640x400

Uno dei due tunnel di Hezbollah scoperti al confine fra Israele e Libano

Le autorità militari israeliane hanno nei giorni scorsi avviato lavori di scavo a ridosso della Linea Blu, affermando di aver trovato dei tunnel sotterranei attribuiti a Hezbollah, il movimento sciita libanese anti-israeliano.
Il governo libanese ha per ora dato l’impressione di non esser formalmente al corrente delle presunte attività di scavo da parte di Hezbollah dal territorio libanese verso il territorio israeliano.
Ieri una squadra tecnica di Unifil, il contingente Onu schierato nel sud del Libano a ridosso della Linea Blu, si è recata nel lato israeliano ed è stata guidata dal comandante dei caschi blu, il generale italiano Stefano Del Col, per ispezionare il sito dove Israele afferma di aver trovato un tunnel di Hezbollah.

(Ansamed)

Condividi