Il missile di Lieberman
contro il missile di Rouhani
“Mai il nucleare all’Iran

hqdefault

Il nuovo missile balistico testato dall’Iran, in grado di raggiungere gran parte del Medio Oriente, Israele compreso, costituisce una minaccia per tutto il mondo libero. Lo ha dichiarato sabato il ministro della difesa israeliano Avigdor Lieberman nella prima reazione di Gerusalemme al lancio di prova iraniano. Stando a quanto riferito sabato dai mass-media di stato iraniani, l’Iran ha testato con successo un nuovo missile balistico, da 2.000 km di gittata, che era stato esibito venerdì in una sfilata militare.

 Avigdor Lieberman

Avigdor Lieberman

“Il missile balistico lanciato dall’Iran – ha detto Lieberman – non costituisce solo una provocazione contro gli Stati Uniti e i suoi alleati, incluso Israele. Rappresenta anche un tentativo di metterli alla prova. Ed è un’ulteriore riprova della volontà dell’Iran di diventare una potenza mondiale in grado di minacciare non solo i paesi del Medio Oriente, ma tutti i paesi del mondo libero. Si immagini che cosa accadrebbe se l’Iran riuscisse a dotarsi di armi nucleari. E’ questo ciò che cerca di fare – ha concluso Lieberman – e non si può lasciare che accada”.

Il test di lancio del missile Khorramshahr, che secondo l’Iran sarebbe in grado di portare testate multiple, è destinato a suscitare preoccupazione anche a Washington.

iran-18783-kK8C-U1101261511020cuH-1024x576@LaStampa.it

L’emittente di stato IRIB ha trasmesso le immagini del test missilistico senza specificare luogo e ora. Il filmato include immagini girate da una telecamera a bordo che mostrerebbero il distacco del cono che porta le testate multiple. “State vedendo le immagini del riuscito test di lancio del missile balistico Khorramshahr con una gittata di 2.000 km, il più recente missile del nostro paese – ha detto la televisione statale – Questo è il terzo tipo di missile iraniano con una gittata di 2.000 km”. L’agenzia di stampa iraniana Tasnim ha scritto che il missile “accrescerà il tormento di Israele e diventerà il suo  incubo, giacché può prendere di mira in modo preciso tutte le terre occupate, e anche i giacimenti di gas a ovest di Israele”.

Missili balistici iraniani in parata militare venerdì scorso

Missili balistici iraniani nella parata militare di venerdì scorso

Il missile Khorramshahr era stato presentato per la prima volta venerdì scorso, in occasione di una parata militare durante la quale il presidente Hassan Rouhani ha detto che l’Iran rafforzerà le sue capacità missilistiche “senza chiedere il permesso” a nessun paese. “Continueremo a incrementare la nostra forza militare – ha aggiunto Rouhani – Tutti i paesi del mondo sostengono l’accordo sul nucleare tranne gli Stati Uniti e il regime sionista”.

Intervenendo martedì scorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite , il presidente Usa Donald Trump aveva denunciato il programma missilistico iraniano e la politica di Teheran che esporta violenze in Yemen, Siria e altre parti del Medio Oriente. Gli Stati Uniti accusano l’Iran di effettuare test missilistici in violazione della risoluzione Onu che ha ratificato l’accordo sul nucleare, e chiedono a Teheran di non continuare a sviluppare missili balistici in grado di portare armi nucleari. L’accordo sul nucleare firmato da Iran e sei potenze mondiali nel 2015 non fa menzione del programma missilistico iraniano, ma la risoluzione del Consiglio di Sicurezza vieta all’Iran di sviluppare missili in grado di trasportare testate nucleari.

index

Benjamin Netanyahu alle Nazioni Unite

Dal canto suo, sempre martedì scorso, parlando alle Nazioni Unite, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu aveva detto: “L’Iran annuncia la distruzione del mio paese ogni giorno, lo ha fatto anche l’altro giorno il suo capo di stato maggiore. L’Iran sta conducendo una campagna di conquista in tutto il Medio Oriente e sta sviluppando missili balistici per minacciare il mondo intero. Molti sostenitori dell’accordo sul nucleare iraniano avevano ingenuamente creduto che in qualche modo l’accordo avrebbe moderato l’Iran, facendone un membro responsabile della comunità internazionale. Non ero affatto d’accordo e dicevo che, una volta rimosse le sanzioni, l’Iran si sarebbe comportato come una tigre affamata, divorando nazioni una dopo l’altra. E’ esattamente quello che l’Iran sta facendo oggi. Una cortina iraniana sta calando sul Medio Oriente”.

(Ha’aretz, Israel HaYom, israelenet )

 

Condividi