Il no della Polonia
Duda rifiuta le richieste
di “restituzione dell’Olocausto”

Andrzej Duda

di Carlo Breme –

“Non accoglieremo  le richieste di risarcimento ebraiche per i beni sequestrati durante l’Olocausto Non firmerò mai una legge che privilegerà qualsiasi gruppo etnico rispetto agli altri. I danni dovrebbero essere pagati da colui che ha iniziato la guerra, ha dichiarato il presidente della Polonia Andrzej Duda

La Polonia è l’unico paese dell’Unione Europea che non ha approvato una legislazione nazionale completa per restituire o fornire un risarcimento per la proprietà privata confiscata dai nazisti o nazionalizzata dal regime comunista.

Il campo di sterminio nazista Auschwitz-Birkena

La Polonia prima della guerra era un cuore ebraico, con una comunità secolare che contava circa 3,2 milioni, circa il 10% della popolazione del paese in quel momento. La maggior parte degli ebrei polacchi furono assassinati in massacri o campi di concentramento.

Le organizzazioni ebraiche, in particolare l’Organizzazione mondiale della restituzione ebraica, hanno cercato un risarcimento per i sopravvissuti all’Olocausto e le loro famiglie e considerano il risarcimento una questione di giustizia per una popolazione sottoposta a genocidio.

 

Condividi