Il nuovo antisemitismo
nato con la “causa palestinese”

 

obs1

Pierre-André Taguieff

 “L’equazione, ‘Sionismo = razzismo”, oppure ‘Sionismo = Nazismo”, rappresenta uno dei più significativi cimeli della propaganda sovietica i cui temi principali vennero inizialmente adottati dal mondo arabo-musulmano e poi, con alcune aggiunte, dal mondo musulmano transnazionale. Va tenuto in mente che questa orchestrazione polemica rese possibile l’adozione da parte delle Nazioni Unite il 10 novembre del 1975 della Risoluzione 3379 la quale condannava il sionismo definendolo “Una forma di razzismo e di discriminazione razziale”.

antisemitismo-672x372

Questa risoluzione, conosciuta come “antirazzista” fu una grande vittoria ideologica da parte del campo sovietico e dell’OLP: il nazionalismo ebraico, il sionismo, diventò l’unico nazionalismo al mondo a essere definito “una forma di razzismo,” dunque condannato dalla Convenzione Internazionale per l’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale. Venne abrogata solo nel dicembre del 1991.

1 L1zbGVhbsaraO7i-x3GGzA

Oggi ci troviamo in un contesto parossistico segnato da due configurazioni anti ebraiche, le quali, dall’autunno del 2000, attraverso una violenza intollerabile nei confronti di istituzioni ebraiche ed ebrei ha alimentato l’ondata di giudeofobia in Francia e in altri paesi europei. Ho specificato, due configurazioni. Una è persistente e ben nota, il vecchio antisemitismo, intrinseco all’estrema destra, o nazionalismo xenofobico. L’altra è emergente e in espansione, e i suoi principali vettori sono la propaganda delle reti radicali islamiste e la demagogia della nuova sinistra. Neo comunisti e neoprogressisti, antiglobalisti, trotzkisti e anarchici, i quali sfruttano massicciamente “la causa palestinese”, celebrata come una “causa universale” da parte dell’estrema sinistra.

Si può vedere in questo senso un nuovo sostegno nei confronti del terzo mondo e dell’ideologia rivoluzionaria. Il martire palestinese ha rimpiazzato la lotta proletaria per l’avvento della società comunista”.

 

(Pierre-André Taguieff su “Il nuovo antisionismo”. Dalla pagina Facebook di Niram Ferretti)

 

Condividi