Il primo Consiglio dei ministri
 del governo di unità nazionale

TLa prima riunione del governo israeliano, i nel rispetto della distanza sociale anti-coronavirus

Si è tenuta a Gerusalemme la prima riunione del nuovo governo. Aprendo la seduta, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha affermato che il governo di unità nazionale “rappresenta tutti cittadini di Israele” e che continuerà la battaglia contro il coronavirus dedicandosi al contempo al rilancio dell’economia. “Innanzitutto, vogliamo adoperarci insieme per riportare le persone al lavoro”, ha detto il primo ministro.

Ali Khamenei

Netanyahu a poi messo in guardia l’Iran dal continuare a minacciare la distruzione di Israele, ribadendo che “chiunque minaccia Israele mette se stesso in grave pericolo”. L’avvertimento fa seguito alle dichiarazioni della Guida Suprema iraniana, ayatollah Ali Khamenei, che venerdì scorso ha nuovamente definito Israele “un cancro” da estirpare, aggiungendo che la creazione dello stato ebraico è stata un “crimine contro l’umanità” senza eguali voluto dai “proprietari ebrei e occidentali delle grandi corporation”.

Dal canto suo, il primo ministro vicario Benny Gantz ha sottolineato la necessità di “adoperarsi per ampliare l’unità e accrescere la riconciliazione nazionale”. La riunione si è tenuta poche ore prima che iniziasse il processo a carico di Netanyahu. Né Netanyahu né Gantz hanno commentato il processo durante la seduta del governo.

(Israelenet)

 

Condividi