Il solito New York Times
che si “distrae” con gli ebrei…

adsadasdsadsd-1-e1556383284568-640x400

di Eduardo Palumbo –

L’ultima del solito New York Times, è una vignetta evidentemente antisemita. Il più grande giornale progressista degli Stati Uniti presenta il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu come un “cane guida” che portava una stella di David sul colletto, che guida un cieco presidente degli Stati Uniti Donald Trump. Danny Dayan, il console generale israeliano a New York ha protestato contro il giornale che “timidamente” ha fatto un passo indietro.

hq720

Marwan Barghouti mangia di nascosto come un topo durante lo sciopero della fame nelle carceri israeliane proclamato da lui

Ma il N.Y.Times  è recidivo in certe “leggerezze”. Basta ricordare quando pubblicò un editoriale di Marwan Barghouti il terrorista palestinese condannato a cinque ergastoli per i suoi efferati assassini, quello che lanciò lo sciopero della fame per protestare contro il trattamento nelle carceri israeliane (e che poi fu scoperto mentre mangiava di nascosto come un topo)  senza un minimo cenno di chi era l’autore dell’articolo, così come se fosse un professore di  Harvard  o di  Berkeley…

Solo dopo, solo dopo le proteste il N.Y. Times  si accorge di sbagliare. Eppure rappresentare un Trump (il presidente che ha praticamente  consacrato Gerusalemme capitale d’Israele e che ha sancito la supremazia israeliana sul Golan) cieco che si fa guida guidare dal fedele (cane) Netanyahu cos’altro poteva significare? Lo vorremmo proprio capire.

Condividi