Il tunnel fatto esplodere
serviva per rapire soldati israeliani
da scambiare con terroristi prigionieri

396247

di Adir Amon –

Il tunnel che è stato fatto esplodere e che è costato la morte di sette terroristi, era stato costruito con un compito ben preciso: serviva per rapire alcuni soldati israeliani. Soldati che sarebbero serviti in un secondo tempo  per uno scambio con alcuni prigionieri palestinesi.

Arab Countries Has Left Quds for Zionist Regime

Khaled al-Batash

A rivelare il piano criminoso è stato Khaled al-Batash, un ufficiale maggiore dell’Islam islamico, al funerale di tre dei terroristi uccisi nell’esplosione. E nell’arringare la folla l’ufficiale ha annunciato con tono solenne che “al più presto verrà scavato un altro tunnel, che il  piano è stato solo rimandato ma non di certo annullato. Anzi…”

Ismail Haniyeh

Ismail Haniyeh

Ed ad avvalorare e dare maggiore forza ai venti di guerra è stato lo stesso leader di Hamas Ismail Haniyeh in un discorso pubblico a Gaza. “Se il nemico crede che questo massacro possa imporre le regole del gioco è del tutto fuori strada: è un pensiero delirante. Israele deve sapere che le nostre mani sono più alte, la nostra spada è più forte e che il nostro desiderio di sconfiggere Israele ora è più forte di prima. Noi andremo avanti per il ripristino dell’unità nazionale e per sconfiggere Israele.”

Condividi