Il valico di Rafah resta aperto
fino al 21 agosto ”festa del sacrificio”

epa06752053 Hamas security guard stands outside Rafah border crossing in the southern Gaza Strip, 20 May 2018. Egyptian President Abdel Fattah al-Sisi announced that the Rafah border crossing point with Gaza strip will be kept open during the whole month of Ramadan. Rafah border crossing is the main access point for Gaza Strip, which is under siege by the Israeli side.  EPA/MOHAMMED SABER

L’Egitto ha deciso un prolungamento di due mesi dell’apertura del valico di Rafah, già aperto per oltre un mese in occasione del Ramadan. Lo riferisce una fonte del passaggio di frontiera con la Striscia di Gaza.

L’apertura in occasione del mese del digiuno islamico, terminato la settimana scorsa, é stato il più lungo periodo di transito ininterrotto al valico dal 2013. Le precedenti aperture, consentite da allora ogni due o tre mesi, erano state infatti solo di pochi giorni.
Secondo la fonte, in linea con vari media, é stato deciso che l’apertura venga prolungata fino all’ Eid al-adha, la ”festa del sacrificio” che quest’anno inizia tra il 21 e 22 agosto.
Il valico é il principale collegamento tra la Striscia di Gaza e il mondo esterno e l’unico non controllato da soldati israeliani, oltre che un termometro dei rapporti fra il Cairo e Hamas, al potere nella striscia. Ogni giorno stanno transitando per il valico, nei due sensi, tra i 400 e i 600 palestinesi, ha riferito ancora la fonte.
L’apertura solo col contagocce del valico era stata decisa dall’Egitto per contrastare infiltrazioni terroristiche provenienti da Gaza e dirette al Sinai dove è in corso dal 2013 una guerra a bassa intensità che le forze armate egiziane sembrano ormai sul punto di vincere contro la branca egiziana dello Stato islamico.

Abdel Fattah Al Sisi

Abdel Fattah Al Sisi

La situazione si è creata dopo che l’attuale presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi – allora comandante in capo delle Forze armate egiziane – nell’estate 2013 aveva guidato un rivolta popolar-militare contro i Fratelli musulmani, da una cui costola e’ nato il movimento di Hamas che controlla la Striscia.
La Confraternita era andata al potere in Egitto con le elezioni del 2012 ma era stata cacciata l’anno dopo. Il blocco egitto-israeliano di Gaza era cominciato con l’avvento di Hamas nel 2007.

Condividi