In ricordo di Toscanini
Concerto di Muti
il 20 dicembre a Tel Aviv

arturo-toscanini-1867-1957-conducted-everett

Un avvenimento eccezionale, un appuntamento memorabile nel ricordo di un concerto che ha rappresentato un vero e proprio evento. Nel dicembre del 1936 Arturo Toscanini, su invito del grande violinista Bronislaw Huberman, giunse a Tel Aviv per dirigere il primo concerto dell’appena nata Orchestra di Palestina, oggi Filarmonica di Israele.

filarmonica-israele-zubin-metha-focus-on-israel-300x200

Filarmonica Israele-

Un avvenimento eccezionale, un appuntamento memorabile nel ricordo di un concerto che ha rappresentò un vero e proprio evento. Nel dicembre del 1936 Arturo Toscanini, su invito del grande violinista Bronislaw Huberman, giunse a Tel Aviv per dirigere il primo concerto dell’appena nata Orchestra di Palestina, oggi Filarmonica di Israele.

Il 20 dicembre, a ottanta anni dallo storico concerto diretto da Arturo Toscanini, Riccardo Muti sarà a Tel Aviv per eseguire lo stesso programma di quella giornata   che sancì l’esordio dell’allora Orchestra di Palestina: Rossini Sinfonia da “La Scala di Seta”, Brahms Seconda Sinfonia, Schubert Sinfonia Incompiuta, Mendelssohn Notturno e Scherzo dal “Sogno di una Notte di mezza estate”, Weber Ouverture da “Oberon”.

4314-0-868879264-klz-u432509682481392o-1224x916corriere-web-sezioni-593x443

Riccardo Muti

“Oggi – ha scritto Muti sul Corriere della Sera – la Filarmonica di Israele è una delle grandi anime culturali di quel Paese e dopo ottant’anni di Musica nel mondo celebra la sua Storia, la sua Vita, la sua Luce. Toscanini diede il primo respiro a quei suoni che ancora oggi ci avvolgono e ci portano messaggi di Bellezza assoluta, in un mondo che desideriamo di Pace e di Fratellanza fra tutti i popoli”.

Sarà la riedizione di una giornata memorabile, un grande omaggio anche a Toscanini che abbracciava alla sua grande arte, con un grande senso di libertà, uguaglianza sociale, dignità umana. Era il Toscanini che si era rifiutato di eseguire al teatro comunale di Bologna la marcia Reale e Giovinezza. Un rifiuto che gli costò l’aggressione dei fascisti infuriati per il suo diniego.

 

 

Condividi