In un asilo di Ancona
non si festeggerà il Natale
“Si offendono i musulmani”

Ancona-recita-di-Natale-al-bando-per-non-offendere-altre-sensibilità

Manca poco più di un mese a Natale e nelle scuole di tutta Italia studenti e insegnanti sono già al lavoro per realizzare il presepe e organizzare le recite scolastiche. C’è però anche qualche istituto che ha deciso di mettere al bando i tradizionali spettacoli degli alunni.

Non si terrà, ad esempio, alcuna recita di Natale alla scuola dell’infanzia Gianni Rodari di via Torino a Moie, in provincia di Ancona. I piccoli alunni, tutti dai 3 ai 5 anni, quest’anno non festeggeranno l’inizio delle festività natalizie a scuola con canti tipici, balli e giochi. Non ci sarà il tradizionale spettacolo davanti ai genitori. Perché? Il problema sembra essere la fede di alcuni bambini e delle loro famiglie.

index

Nell’asilo circa il 10% dei bambini è straniero, non di fede cristiana. Quindi niente recita per non creare il malcontento tra gli adulti e offendere la sensibilità religiosa. E la decisione ha mandato su tutte le furie numerosi genitori. “I nostri bambini non potranno fare la recita di Natale perché discriminatorio nei confronti dei bimbi non cattolici, ma vi sembra normale?”, hanno protestato gli adulti. Ma gli insegnanti non sembrano intenzionati a cedere, per rispetto dei bimbi stranieri.

(Giornale)

Condividi