Incredibile ma vero
La Conferenza sul disarmo Onu
sarà presieduta dalla Siria…

00006

di Mirko Molteni –

Proprio a quella Siria ancor oggi in piena guerra civile e crocevia dei più vari traffici darmi per le milizie, è stata assegnata ieri la presidenza di turno della Conferenza sul Disarmo delle Nazioni Unite, che ha sede a Ginevra. L’ambasciatore siriano presso le strutture ONU della città svizzera, Hussam Eddin Ala, ha declamato la vittoria del suo Paese «sull’opposizione degli Usa e la campagna mediatica di Israele».

Hussam Eddin Ala

Hussam Eddin Ala

La carica è poco più che simbolica, nel senso che la presidenza siriana durerà un mese scarso, fino al 26 giugno, ma Ala promette «professionalità e nei nostri compiti». È già la terza volta che la Siria detiene un turno di presidenza a partire dalla sua ammissione nel 1996, ma stride la situazione considerato che proprio il conflitto fra Assad e i jihadisti ha offerto sempre maggiori occasioni di sperimentazione di nuove armi, specie da parte dei russi, dai missili Kalibr ai caccia Sukhoi Su-57.

siria-guerra

E senza contare le perduranti polemiche sul sospetto uso di armi chimiche, sebbene siano probabilmente azioni orchestrate dai jihadisti per incolpare Assad. Anche la presenza militare iraniana, con uomini e missili, in Siria stona con le prossime quattro settimane di impegno siriano per il disarmo, oltretutto considerando che le basi pasdaran offrono bersagli per l’aviazione israeliana, che a sua volta coi suoi raid ha pure in questi giorni fatto debuttare per la prima volta il caccia F-35 comprato dall’America. E possibile poi che la Siria approfitti per sollecitare discussioni sul disarmo nucleare tirando in ballo le atomiche di Israele.

 (Libero)

 

Condividi