Integrare differenti identità
Ma nel rispetto delle leggi

Sharia-law-in-Europe

 di Maurizio Molinari –

L’integrazione di identità  differenti è uno degli elementi di forza dell’Occidente. Ciò che distingue le democrazie dalle dittature è il rispetto di ogni tipo di minoranza. Che sia di fede, lingua, colore della pelle, genere o altro poco importa. Tanto più ogni minoranza, ogni individuo, è protetto nelle due differenze tanto più la democrazia si rafforza. Garantire diritti significa però anche far rispettare i doveri della cittadinanza. E ciò significa, in primo luogo, ottemperare alle leggi.

Maurizio Molinari2

Maurizio Molinari

Nelle democrazie occidentali coprire le statue per motivi religiosi significa oscurantismo, obbligare le donne a vestirsi in una certa maniera contro la loro volontà è un reato contro la persona, imporre alle donne comportamenti diversi dagli uomini significa razzismo.

statua-epaminonda

La “censura” alla statua di Epaminonda

Dunque, venendo all’Islam nel nostro Paese o in Europa, il metodo non può che ispirarsi alla difesa dei principi dello Stato di Diritto: nessuna discriminazione a priori perché negherebbe chi noi siamo, ma il più rigido degli impegni per far condividere a chi arriva lo spirito delle nostre leggi.

Ciò significa difendere un’idea di Europa e Occidente come spazi umani e luogo geografico dove ognuno può essere se stesso per propria scelta e convinzione, ma nessuno può limitare i diritti del prossimo all’unico fine di imporre i propri.

immagini.quotidiano.net

La conseguenza comporta determinazione su ambo i fronti: per far comprendere a leader, migranti e visitatori stranieri che l’Europa e l’Italia proteggono ogni istanza, rivendicazione e diritto.

Tranne quelli che minacciano di travolgere ciò che hanno di più caro: la propria identità. Il pericolo più serio che in questa cornice abbiamo davanti è sommare due errori: non difendere i diritti in Europa degli stranieri e rinunciare a proteggere i nostri.

(Lettere al direttore, la risposta ad un lettore)

  (Stampa)

 

Condividi