Israele, buon appetito
Prende il via a Tel Aviv
la settimana della cucina italiana

Cucina italiana mediterranea

La Cucina italiana approda in Israele, dove il mercato è in costante aumento, e nei Territori Palestinesi, dove sono in programma corsi per chef locali. La presenza del nostro settore agroalimentare in Israele è tra le più considerevoli, con un export di 159 milioni di euro e un incremento del 13,1% nel 2018.

Per la IV edizione, dal 17 al 23 novembre, della ‘Settimana della cucina italiana in Israele’ – nell’ambito di quella mondiale ad iniziativa del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale per la promozione dell’enogastronomia italiana d’eccellenza – assume un particolare rilievo.

index ccccccccccccc

Incentrata su “Educazione Alimentare: Cultura del gusto”, è articolata in un fitto calendario di eventi coordinati dall’Ambasciata e realizzati dall’Istituto Italiano di Cultura di Tel Aviv, dall’Agenzia italiana per il Commercio estero (Ice), dall’Enit, dalla Camera di Commercio e Industria Israele-Italia e dall’Accademia Italiana della Cucina con le principali istituzioni culinarie israeliane.

Durante la settimana, il programma prevede con lezioni di cucina e cene in ristoranti italiani. Ma anche il  vero espresso italiano, gli aperitivi e i cocktail nazionali potranno essere gustati in numerosi locali di Tel Aviv.

Insieme a loro piatti regionali toscani, laziali, campani e siciliani saranno serviti nei ristoranti Pasta Mia, Ernesto, Caffè Napoli e Sahki & Sahki. Sul fronte culturale, a Tel Aviv e a Gerusalemme sarà in programma il film “Finché c’è prosecco c’è speranza”, di Antonio Padovan, preceduto da una degustazione, per celebrare l’iscrizione delle ‘Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene’ nella lista del Patrimonio Mondiale Unesco.

ernesto

“Insieme ai nostri partner, offriremo agli israeliani, durante tutta la settimana, il meglio della creatività e della capacità di innovazione dei nostri chef, valorizzando – ha detto l’ambasciatore italiano Gianluigi Benedetti – la Dieta Mediterranea quale stile di vita sano e modello di alimentazione equilibrato alla portata di tutti”.

Quanto ai Territori palestinesi, il Consolato Generale a Gerusalemme organizza una serie di “eventi volti a promuovere la cultura del gusto e la sana alimentazione, perfettamente rappresentata dalla Dieta Mediterranea, patrimonio dell’umanità”.

Nel corso della Settimana, che beneficia della sponsorizzazione tecnica della storica azienda italiana di macchine per la pasta Bottene e dell’azienda palestinese produttrice di caffè unicamente con macchinari italiani Abu Rasheed, sono previste – fa sapere il Consolato – degustazioni a Gerusalemme, Nablus, Ramallah e Betlemme, realizzate da noti Chef italiani.

indexzxzxzx

Grazie alla collaborazione con l’Ufficio Ice di Amman, l’Istituto del Turismo dell’Università di Betlemme, l’Arab Women Union Society, la Società Dante Alighieri comitato di Ramallah e Betlemme e il Centro pastorale Melkita di Ramallah, saranno realizzati “corsi dedicati a oltre 100 chef locali per insegnare loro i fondamenti della cultura del gusto e le tecniche di produzione delle paste tradizionali italiane fatte in casa, la loro origine regionale e l’influenza subita ed esercitata sul mondo arabo”.

“La Settimana della Cucina – ha osservato il Console Generale d’Italia a Gerusalemme, Fabio Sokolowicz – è efficace mezzo di promozione della cultura italiana e di avvicinamento tra tradizioni diverse ma dalle comuni radici mediterranee.

(Ansamed)

 

Condividi