Israele congela ad Ap i soldi
per le famiglie dei terroristi

4d30ebca-7ec7-11e8-9901-6729de8f12eb_MVRKILG5-kmFC-U11101640903628kBH-1024x576@LaStampa.it

di Giordano Stabile –

La Knesset ha approvato la legge che congela dalle tasse raccolte da Israele per l’Autorità nazionale palestinese che vengono poi usate per sostenere le famiglie di detenuti nelle carceri israeliane e quelle di palestinesi uccisi durante attacchi terroristici. L’Anp riconosce una sorta di “pensione” ai famigliari dei “martiri”, giovani morti in attacchi alle forze di sicurezza o a civili che vivono negli insediamenti. La nuova legge è stata approvata con 87 voti a favore e 15 contrari fra i 120 deputati della Knesset.

Giordano Stabile

La legge bloccherà parte dei 130 milioni di dollari di tasse raccolte ogni mese da Israele per conto dell’Anp, in quanto i versamenti sono «un’espressione di sostegno ad atti terroristici». Secondo Israele l’Anp spende ogni anno 330 milioni di dollari, circa il 7 % del suo budget, per salari e pensioni di questo genere. In base agli accordi di Oslo degli anni Novanta, Israele raccoglie tasse doganali sui beni che passano attraverso il suo territorio per conto dell’Anp. Questi introiti costituiscono il grosso del bilancio dell’Autorità nazionale palestinese.

(Stampa)

Condividi