Israele food & wine/1
Viaggio nella “cucina del mondo”

23467053_1486118521424276_1860787413410008578_o-1600x800

di Sabrina Talarico *

I motivi per visitare Israele sono molti e importanti: la religione, la cultura, la storia, l’arte, l’archeologia, il divertimento. Chi viene nella Terra Promessa, considerata Santa dalle più grandi religioni monoteiste del mondo, viene per vedere il Santo Sepolcro, la Via Crucis, i quartieri di Gerusalemme, la Galilea, il Mar Morto, il deserto, Tel Aviv con la sua vitalità e l’architettura Bauhaus. Da alcuni anni, però, anche la proposta enogastronomica ha preso il sopravvento, con un’offerta considerata tra le più gustose e interessanti del Medio Oriente, che ha superato per elaborazione,  abbinamenti e presentazione dei piatti, la vicina “concorrenza” libanese. Cominciamo un viaggio ricca e variegata enogastronomia di Israele, dieci proposte  tra creatività e sostenibilità.

 

 2

Sabrina Talarico

I piatti proposti sono in realtà un mix di tutte le tradizioni importate dagli ebrei arrivati in Israele dopo il 1948. Il risultato è una “cucina del mondo”, dove i sapori originali della cucina ebraica, già presenti nel 600 a.c. , si sono mischiati con quelli dei Paesi orientali e occidentali. Tra i piatti tipici troviamo falafel, hummus, ptitim (cuscus israeliano), pita, tahina, sabish, shakshuka, burekas, halva.

degustazione vini Kishor

Vini Kishor

Gli ingredienti e le ricette proposte restano dunque simili a quelle dei Paesi arabi, soprattutto confinanti. Cambiano, per quanto riguarda la cucina ebraica, ma solo quella, i rituali di preparazione. Qui prevale il cibo kosher, dunque quello preparato secondo le regole religiose degli ebrei osservanti, che spaziano dal divieto di mescolare in cottura carne e latticini, a quello di mangiare gli animali definiti impuri (che non ruminano), i pesci senza squame e senza pinne, gli uccelli. Altre regole riguardano la macellazione, il trattamento del grasso animale, la supervisione di un Rabbino nella produzione del vino, il divieto di lavorare di sabato.

(1.continua)

* presidente del Gruppo Italiano Stampa Turistica

(Viaggiatore)

 

Condividi