Israele, individuato vaccino passivo

Secondo il quotidiano israeliano Jerusalem Post, l’​Istituto israeliano per la ricerca biologica avrebbe individuato un vaccino passivo o un anticorpo attivo contro il coronavirus. Si parla di «vaccino passivo» quando gli anticorpi di un paziente guarito sono trasferiti a un altro paziente.

L’istituto israeliano (IIBR), secondo il ministero della Difesa locale, avrebbe dunque completato la fase di sviluppo dell’anticorpo nelle ultime ore. Il ministro della Difesa, Naftali Bennett, ha visitato il laboratorio con sede a Ness Ziona, a 20 chilometri da Tel Aviv, ed è stato informato dal team di ricerca, che ha scoperto l’anticorpo capace di neutralizzare il virus. Il primo ministro Benjamin Netanyahu lunedì scorso ha promesso 60 milioni di dollari in una conferenza internazionale di donatori che ha raccolto fondi per la lotta congiunta contro la pandemia.

 

(Messaggero)

Condividi