Israele non deve giustificarsi
per difendere i confini

200339141-227e08bd-d6a8-4ec7-8f81-681f18b56298

di Giulio Meotti –

Il vittimismo come visione della storia stabilisce automaticamente la giustizia dalla parte dei perdenti anche se questi sono gli aggressori e hanno un piano per distruggere coloro che, a oggi, appaiono come i più forti”. Così Yossi Klein Halevi, senior fellow allo Shalem Center di Gerusalemme e commentatore ospitato sui principali media internazionali, come Wall Street Journal e New York Times, commenta i tragici fatti di Gaza di venerdì scorso, quando sedici palestinesi (di cui almeno dieci terroristi di Hamas e del Jihad islamico) sono rimasti uccisi negli scontri con l’esercito israeliano.

Giulio Meotti 3

Giulio Meotti

“Il politicamente corretto ha preso il posto del pensiero critico” continua Halevi al Foglio. “E Israele, circondato da terroristi che vogliono annichilirlo e che ha di fronte la prospettiva di un assalto di massa, è ritratto dai media come l’aggressore”. E’ il dilemma di Gerusalemme: “Come restare forte in medio oriente e indebolirsi in occidente”.

Yossi Klein Halevi

Yossi Klein Halevi

Il giorno dopo Gaza, i giornali di tutto il mondo hanno capovolto quei fatti. “Gli scontri di Gaza non sono sui ‘due stati e due popoli’, ma sulla sostituzione di Israele con uno stato palestinese dal Giordano al Mediterraneo” dice Halevi. “Io rispetto i palestinesi e ascolto i loro leader quando dicono di volermi distruggere, anche se non hanno quel potere oggi. E Israele deve fare di tutto per impedire che lo ottengano. Perché l’occidente non lo comprende? Spero che il giudizio europeo su Israele ogni volta che si difende provenga da una sorta di stupidità e non da qualcosa di peggio, qualcosa che viene dal cuore oscuro del XX secolo”.

L’opposizione occidentale a Israele nasce da un modello antitetico? “C’è una differenza essenziale fra Israele e i paesi occidentali: noi viviamo in una regione dove i confini difendibili sono un imperativo politico e morale”, conclude Halevi. “Gli israeliani non chiederanno scusa per difendersi.

Ben-Dror Yemini

Ben-Dror Yemini

Preferisco stare al sicuro che avere la simpatia europea”. Sabato, sul maggiore quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth, Ben-Dror Yemini ha scritto una lettera aperta ai vicini palestinesi. “Non sono sorpreso da questi media occidentali, dai Corbyn, dai Sanders e dalla Ue, che simpatizzano con Hamas e li considerano  pacifici dimostranti’, mentre a Gaza gridavano ‘Khaybar Khaybar ya Yahud’, uccidi gli ebrei” dice al Foglio Yemini. “Agli utili idioti di Hamas dico: condannateli, ordinate loro di disarmare e abbandonare l’odio. Sono queste élite progressiste che controllano i media a rendermi furioso, quelli che cantavano ‘pace e umanità’ e stavano con Stalin, che come Foucault adorarono Khomeini, che come Chomsky elogiavano i Khmer rossi e ora hanno Hamas”.

TOPSHOT - EDITORS NOTE: Graphic content / Palestinians carry an older man waving a Palestinian flag during a protest near the border with Israel east of Jabalia in the Gaza strip commemorating Land Day on March 30, 2018. Land Day marks the killing of six Arab Israelis during 1976 demonstrations against Israeli confiscations of Arab land. / AFP PHOTO / Mohammed ABED

Il dilemma di Israele per Yemini è una condanna, quasi: “Israele sta vincendo la battaglia ma sta perdendo la guerra dell’opinione pubblica. I leader palestinesi non parlano di pace, ma di distruzione. E’ il jihad che, dalla Somalia a Gaza, dalla Nigeria al Pakistan, porta ovunque sia distruzione e guadagna adepti in occidente. E’ questo che dirò la prossima settimana parlando al Parlamento europeo”. Perché chi vuole fare la pelle a Israele non sta assiepato soltanto a Gaza, ma anche nei palazzi del potere e nelle desk room.

(Foglio)

 

Condividi