Israele aumenta i finanziamenti
per gli imprenditori ultraortodossi
E poi toccherà gli arabi israeliani

Nel primo hackathon per Haredim negli uffici di Facebook a Tel Aviv, le squadre ultra-ortodosse si occupano di portare la tecnologia allo studio di antichi testi ebraici;

di David Sinai –

L’Autorità per l’innovazione di Israele, incaricata di definire le politiche tecnologiche della nazione e finanziare le start-up nelle primissime fasi, ha annuncato che sta espandendo il suo sostegno agli imprenditori ultraortodossi della tecnologia, per facilitare loro l’accesso ai finanziamenti e l’integrazione nella scena tecnologica in forte espansione di Israele. Ma non solo. L’Autorità per l’innovazione ha anche detto che sta lavorando a un programma simile per fornire finanziamenti agli imprenditori arabi israeliani, in base a termini che saranno uguali a quelli degli ultraortodossi. Questo è lo Stato dìIsraele. Altro che polemiche sulla legge “Stato-nazione”

Naftali Bennett

Naftali Bennett

Il Ministero dell’Economia e dell’Industria Naftali Bennett afferma che, in base ai termini rivisti di un programma in vigore dal 2014, le imprese tecnologiche possedute almeno per il 33% da imprenditori ultraortodossi avranno diritto a ricevere finanziamenti per due anni: 75% delle loro spese di ricerca e sviluppo per il primo anno e del 70% per il secondo. Il programma originale prevedeva solo finanziamenti per un anno.

ultraortodossi-ebrei

Queste start-up avranno anche diritto a sovvenzioni di 2,5 milioni di NIS (682 000 dollari) nel primo anno e fino a 4,5 milioni di NIS nel secondo anno. Il programma aveva inizialmente concesso 2,3 milioni di shekel nel solo primo anno. Inoltre, alle startup verrà insegnato come “massimizzare le risorse e il successo dell’azienda”, afferma la dichiarazione.

Ciò include l’aumento della loro esposizione all’ambiente tecnologico israeliano e la formazione imprenditoriale, e la possibilità di utilizzare parte del loro denaro per le sovvenzioni per la consulenza commerciale o di marketing.

 

 

 

Condividi