“Just Not Bibi Gang”
Netanyahu lancia la sfida

Il primo ministro Benjamin Netanyahu, con alcuni dei suoi ministri parla entrando nel tribunale per l’inizio del processo

di Yossy Raav –

Benjamin Netanyahu ha professato la sua innocenza all’inizio del suo processo per corruzione, affermando di essere stato incastrato ma che affronta a testa alta nella prima accusa penale di un primo ministro israeliano in servizio. Affiancato da una manciata di ministri del gabinetto del suo partito Likud, e parlando con forza, Netanyahu ha fatto appello all’opinione pubblica mentre si rivolgeva alle telecamere nel corridoio del tribunale prima di apparire davanti a un pannello di tre giudici.

“Queste indagini sono state contaminate e ricucite dal primo momento”, ha detto Netanyahu in merito alle accuse di corrusione, frode e violazione della fiducia. .Ha soprannominato i pubblici ministeri e la polizia “Just Not Bibi Gang”, un riferimento, usando il proprio soprannome, a quella che ha definito una caccia alle streghe, favorita dai “media di sinistra” e dagli oppositori politici per porre fine al suo incarico record come primo ministro.

 

 

Condividi