Katz, “Non c’è più il Libano, c’è l’Iran”

Hezbollah fighters put Lebanese and Hezbollah flags at Juroud Arsal, Syria-Lebanon border, July 25, 2017. Picture taken July 25, 2017. REUTERS/Mohamed Azakir

di Yossy Raav –

Il ministro per il Trasporto e l’Intelligenza Yisrael Katz (Likud) ha analizzato, in un’intervista a Arutz Sheva , gli ultimi sconvolgimenti in Medio Oriente, alla luce delle dimissioni del primo ministro libanese Saad Al-Hariri.  

Yisrael Katz

Yisrael Katz

“Penso che con una notevole pressione internazionale, si può impedire all’Iran di acquisire armi nucleari. Non c’è alcuna controversia nel dibattito politico nel Paese, a tutti i livelli siamo tutti d’accordo che Israele non permetterà all’Iran di acquisire armi nucleari. Una posizione chiara che anche il presidente Usa Donald Trump condivide visto che non ha voluto ratificare il Patto nucleare.”

vv

E per tutto quello che sta succedendo in Libano? “Ciò che è accaduto – ha detto Katz – con Al-Hariri costretto alle dimissioni ha rivelato il vero volto degli Hezbollah. Al-Hariri era solo una foglia di fico, in realtà il Libano è Hezbollah. Questa è la realtà con cui bisogna fare i conti. In questo momento il mondo, oltre alla pressione per impedire le armi nucleari dell’Iran, deve anche esercitare rompere il doppio filo che lega il terrorismo all’Iran e imporre pesanti sanzioni all’Hezbollah. ”

 

 

Condividi