La calma dopo la tempesta
alla Spianata delle Moschee

epa07615402 Muslim worshippers pray outside the Dome of the Rock at the al-Aqsa Mosque in Jerusalem during the last Friday prayers of the Muslim holy month of Ramadan, 31 May 2019. Israeli police Friday morning shot and killed a Palestinian young man following an alleged stabbing attack in Jerusalemâs Old City. Muslims around the world celebrate the holy month of Ramadan by praying during the night time and abstaining from eating, drinking, and sexual acts daily between sunrise and sunset. Ramadan is the ninth month in the Islamic calendar and it is believed that the Koran's first verse was revealed during its last 10 nights. EPA/ALAA BADARNEH

La calma sembra essere tornata nella Spianata delle Moschee di Gerusalemme dopo gli incidenti tra fedeli islamici e polizia israeliana. La folla, secondo fonti locali, sta lasciando l’area. Nella vicina Spianata, antistante il muro del Pianto, migliaia di fedeli ebrei celebrano oggi i riti del digiuno del 9 del mese di Av, che ricorda la distruzione del Tempio di Gerusalemme.

Molti di loro in questa occasione volevano salire sulla Spianata ma la polizia lo ha impedito per evitare che si scontrassero con i fedeli islamici.  La decisione della polizia è stata aspramente contestata da esponenti della destra nazionalista. Il ministro dei trasporti Bezalel Smotrich l’ha definita “una resa al terrorismo dei facinorosi” e ha fatto appello al premier Benyamin Netanyahu affinché chiuda la Spianata ai palestinesi nei prossimi giorni.

(Ansa)

66455177_357391198305855_5346773549493256192_n

 

 

 

Condividi