La Casa Bianca vuole illustrare
ai “palestinesi comuni”
il piano di Pace del Medio Oriente

protesta

Gli Stati Uniti potrebbero riaprire la sede diplomatica Olp a Washington se i palestinesi intraprenderanno negoziati di pace con Israele. Lo ha detto l’inviato Usa Jason Greenblatt al quotidiano di Ramallah Al-Ayyam. Greenblatt ha aggiunto che la Casa Bianca non ha ancora fissato una data per la pubblicazione della “visione politica” del suo piano di pace, e non ha ancora deciso se farlo prima o dopo le elezioni israeliane del 17 settembre.

1195fb78-aef1-11e8-aecf-805df6248f79_AP_17263533360102-kVrF-U1120277934329ID-1024x576@LaStampa.it.jpg f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=03652e3

Abu Mazen e Donald Trump

U.S. President Donald Trump's Middle East envoy, Jason Greenblatt, center, Israeli Minister of Regional Cooperation Tzachi Hanegbi, left, and the head of the Palestinian Water Authority, Mazen Ghoneim give a news conference about a water-sharing agreement, in Jerusalem, Thursday, July 13, 2017. Greenblatt announced Thursday that Israel and the Palestinians reached a water agreement linked to a massive planned Red Sea-Dead Sea pipeline project. (Ronen Zvulun/Pool, via AP)

Jason Greenblatt

La Casa Bianca, ha detto Greenblatt, vorrebbe parlare del suo piano di pace ai “palestinesi comuni”. “Un’idea – ha spiegato – potrebbe essere quella di invitare i giornalisti palestinesi alla Casa Bianca, o in qualche luogo più neutrale, affinché la nostra squadra possa illustrarlo direttamente ai mass-media palestinesi, mettendoli in condizione di vedere e spiegare alla gente di che cosa si tratta”.

(Israelenet)

 

Condividi