La collaborazione Soros-Iran
Ecco chi finanzia
le campagne contro Israele

soros_index

di David Sinai –

Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Zarif ha ammesso che il governo iraniano ha lavorato a stretto contatto con l’organizzazione Open Society Foundations (OSF) del miliardario George Soros. Una “collaborazione” che va avanti da tempo.

Mohammad Zarif

Mohammad Zarif

L’OSF ha finanziato un certo numero di organizzazioni di estrema sinistra in Israele che cercano di cambiare la politica del governo israeliano. Secondo la Ong Monitor, tra i maggiori beneficiari dei finanziamenti OSF c’è Human Rights Watch, che è stato criticato per aver preso di mira e falsamente diffamato lo stato di Israele.

ooo

Un altro è J Street, che si autodefinisce “pro-Israele”, ma è una sorta di “copertura”. A giusta ragione è stato indicato anti-Israele. E come potrebbe essere direttamente visto che hanno accolto i fautori del Bds?

000

Un altro destinatario dei finanziamenti OSF è l’Institute for Middle East Understanding, che, riferisce NGO-Monitor, è diretto da personale che ha accusato Israele di crimini di guerra e ha definito Israele uno “stato di apartheid”.

soros-pride

George Soros

Anche il gruppo israeliano di estrema sinistra B’Tselem riceve fondi dall’OSF. B’Tselem è noto per le sue campagne a dir poco infondate. Ad esempio, il gruppo ha incluso centinaia di poliziotti di Hamas a Gaza come “non combattenti” e ha contato lo sceicco Ahmed Yassin – allora il leader di Hamas – come non un combattente.

 

Condividi