La pensione del boia

143613065-c973a700-21e1-459d-a899-da6df474d787

 

Dal momento che fonti e mass-media ufficiali dell’Autorità Palestinese hanno definito shahid (“martire”) il terrorista dell’attentato di domenica 8 gennaio a Gerusalemme, e che il presidente Abu Mazen non ha condannato l’attentato, in base alla legge dell’Autorità Palestinese la vedova del terrorista riceverà dall’Autorità Palestinese un assegno mensile a vita di 1.800 shekel, più altri 200 shekel per ogni figlio e altri 300 shekel per il fatto di essere residente a Gerusalemme. In totale la moglie del pluriassassino riceverà 2.900 shekel (760 dollari) al mese per il resto della sua vita a cui verrà aggiunto, nei prossimi mesi, un assegno una tantum di 6.000 shekel (1.580 dollari).

(Israelenet)

Condividi