La razza nemica
al museo della Shoah di Roma

Press preview of the exhibition 'La razza nemica. La propaganda antisemita nazista e fascista' ('The enemy race. The Nazi and Fascist anti-Semitic propaganda' in Rome, Italy, 26 January 2017. The exhibition will run from 30 January to 07 May. ANSA/ CLAUDIO PERI

Un pregiudizio teologico dalle radici antiche, quello antisemita, che si salda con il razzismo, che diventa una propaganda asfissiante capace di penetrare nella vita quotidiana della Germania nazista e dell’Italia fascista attraverso giornali, riviste, ma anche cartoni animati ed oggetti di uso comune come un innocuo schiaccianoci che prende le sembianze grottesche dell’ebreo secondo gli stereotipi dell’epoca. Il Museo della Shoah di Roma ospita presso la Casina dei Vallati al Portico d’Ottavia, la straordinaria mostra ‘La razza nemica – La propaganda antisemita nazista e fascista’, che mostra molti oggetti e documenti per la prima volta in Italia.

A visitor during the press preview of the exhibition 'La razza nemica. La propaganda antisemita nazista e fascista' ('The enemy race. The Nazi and Fascist anti-Semitic propaganda' in Rome, Italy, 26 January 2017. The exhibition will run from 30 January to 07 May. ANSA/ CLAUDIO PERI

“Una lezione per l’oggi e per i giovani, ma anche per i meno giovani – spiega il presidente della Fondazione Museo della Shoah Mario Venezia – Perché la verità è che per chi è andato a scuola trent’anni fa, i programmi scolastici non raccontavano l’Olocausto, ma si fermavano prima. Questa mostra spiega come all’epoca si sia partiti da vignette e battute, e poi si sia arrivati alle conseguenze che conosciamo. Dalla denigrazione verbale e scritta si arriva agli atti concreti, ecco questo è il messaggio della mostra”.

Per Marcello Pezzetti, curatore della mostra (30 gennaio – 7 maggio) insieme a Sara Berger, “la novità principale di questa mostra è l’oggettistica del quotidiano, così come i cartoni animati, grazie ai quali l’antisemitismo entrava nella vita d’ogni giorno, dalla scuola alla casa. Abbiamo messo una foto in cui si vede una nave stracarica di ebrei cacciati ed emarginati da tutti i paesi del Mare Nostrum, che naviga in alto mare. Il collegamento con l’oggi è evidente. Come allora, il pericolo è più grande di quanto si immagini”. Pezzetti spiega come nella Germania nazista e poi nell’Italia fascista, all’antisemitismo tradizionale si saldò il razzismo: “Ovvero, l’ebreo non poteva essere ‘redento’ con la conversione, ma era biologicamente diverso. Il razzismo diventa biologico”.

The Jewish Star is on display as part of the exhibition 'La razza nemica. La propaganda antisemita nazista e fascista' ('The enemy race. The Nazi and Fascist anti-Semitic propaganda' in Rome, Italy, 26 January 2017. The exhibition will run from 30 January to 07 May. ANSA/ CLAUDIO PERI

Mostra La razza nemica
L’inquietante percorso mostra proprio questa evoluzione, e come certi temi dopo il 1936 ampia diffusione anche in Italia, fino alle leggi razziali del 1938, attraverso strumenti come il giornale Difesa della Razza ed altre pubblicazioni.

Tra i documenti più notevoli, la locandina della versione italiana di uno dei film antisemiti più tristemente celebri: “Suss l’ebreo” del tedesco Veit Harlan (1940). “Ma il film in versione italiana non esiste più, sparì dagli archivi dell’istituto Luce anni dopo la guerra”, spiega Pezzetti.

(ANSAmed).

Condividi