La sceneggiata di Jorit e Ahed

880x495_cmsv2_9f9e6cb0-820b-5448-a867-ae1953b3c0e4-3241806

di Rolla Scolari –

I due street artist italiani fermati sabato dalla polizia israeliana a Betlemme sono stati rilasciati ieri. Lo hanno confermato a La Stampa fonti diplomatiche, dopo l’annuncio del vice sindaco di Quarto (Napoli), dove vive uno di loro, Jorit Agoch. Le autorità israeliane hanno chiesto agli italiani di lasciare il Paese entro 72 ore. Erano stati fermati con un palestinese – liberato prima di loro – con l’accusa di aver «danneggiato e imbrattato» la barriera di separazione che divide Israele dai Territori palestinesi.

Rolla Scolari x

Rolla Scolari

In una sezione vicina alla cittadina palestinese di Betlemme, gli street artist hanno disegnato nei giorni scorsi un murale gigante che rappresenta Ahed Tamimi, la palestinese di 17 anni arrestata dalla polizia israeliana a dicembre, dopo la pubblicazione sui social di un video in cui schiaffeggia un soldato israeliano.

Gli artisti italiani hanno disegnato la palestinese in anticipazione della sua liberazione, dopo otto mesi di carcere, avvenuta ieri.

ahed2-e1514568159827

043_dpa-pa_180729-90-006145_dpai

Ahed Tamimi subito è andata da Abu Mazen

Ahed Tamimi è conosciuta da prima del suo arresto: già nel 2012, una fotografia in cui mordeva la mano a un soldato israeliano era stata condivisa sui social arabi e internazionali. La ragazza ha parlato ieri dal suo villaggio di Nabi Saleh, dopo essere stata ricevuta dal presidente Abu Mazen, che l’ha definita un «modello per la lotta palestinese».

La giovane è diventata un simbolo in pochi mesi di detenzione, e davanti ai media ha tenuto un discorso politico: «Il mio messaggio è che la resistenza continuerà, particolarmente quella per i pari diritti». Ha dichiarato il suo sostegno a Gaza e all’unità nazionale tra palestinesi, divisi politicamente e geograficamente tra Cisgiordania e Gaza.

37192063_2294175670809689_7802195980270436352_n

«Freedom Flotilla» nella sua tappa a Napoli

E proprio ieri, una nave battente bandiera norvegese, parte di una «Freedom Flotilla» salpata dalla Scandinavia, è stata intercettata dalla marina israeliana e scortata verso il porto di Ashdod. L’imbarcazione voleva infrangere il blocco israeliano ed egiziano sulla Striscia in forza dal 2007, quando Hamas ha conquistato il controllo politico del piccolo territorio. Il suo carico di medicinali sarà, secondo le autorità israeliane, trasportato a Gaza via terra. La nave, su cui viaggiavano 22 attivisti di diverse nazionalità, si era fermata a Palermo sulla via di Gaza, ma ieri in serata non si sapeva ancora se a bordo ci fossero anche cittadini italiani.

Diverse «Freedom Flotilla» hanno cercato negli anni di raggiungere Gaza. Nel 2010, un commando israeliano ha fatto irruzione sulla Mavi Marmara, battente bandiera turca: dieci attivisti turchi sono rimasti uccisi. Da allora le relazioni diplomatiche tra Israele e Turchia non si sono mai completamente riprese.

 (Stampa)

 

Condividi