La storica svolta di Sanremo

94964810_10157976555171855_4644631024632856576_o

di Dror Eydar –

La Lega delle Nazioni venne istituita alla fine della Prima Guerra Mondiale, e fu la prima organizzazione intergovernativa ad avere come scopo la sicurezza collettiva mondiale, da perseguire attraverso la diplomazia. La Francia, il Regno Unito, l’Italia e il Giappone, membri permanenti del Consiglio Esecutivo, guidavano un nuovo ordine mondiale, in seguito al crollo di tre imperi (tedesco, austro-ungarico e ottomano). La Lega delle Nazioni nacque durante la Conferenza di Pace di Parigi (1919-1920), nella quale si riunirono oltre 30 delegazioni nazionali, per definire i dettagli di questo nuovo mondo. La Conferenza ridisegnò la mappa dell’Europa e discusse proposte relative a diverse questioni, tra cui il destino dei territori dell’ex Impero ottomano.

A questo proposito, il leader arabo, l’Emiro Faysal, chiese l’istituzione di un unico ampio Stato panarabo (sul territorio che oggi si estende dalla Siria fino allo Yemen), mentre il leader sionista Chaim Weizmann avanzò la richiesta di ricostituire una patria ebraica sul territorio dell’antico Regno d’Israele (che include anche una parte dell’attuale Giordania). In una bellissima ma dimenticata pagina di storia, nel 1919 Weizmann e Faysal si incontrarono e raggiunsero un accordo, per sostenere reciprocamente le proprie richieste. I due leader immaginarono il nazionalismo arabo e il nazionalismo ebraico coesistenti pacificamente nel nuovo mondo post-ottomano. A Parigi, tuttavia, non fu raggiunta alcuna decisione sui territori dell’ex impero ottomano e, nell’aprile del 1920, le Potenze si riunirono una settimana a Sanremo, per sistemare la questione. Gli Stati Uniti vi presero parte come osservatori.

La Conferenza di Sanremo del 1920

La Conferenza di Sanremo del 1920

Quello che oggi conosciamo come Medio Oriente, all’epoca era una vasta distesa senza confini. Il 25 aprile 1920 fu firmata la Risoluzione di Sanremo. Le potenze decisero la spartizione del Medio Oriente in tre mandati territoriali, sotto la supervisione di Gran Bretagna e Francia. I mandati su Siria e Mesopotamia sarebbero stati esercitati fino a quando esse sarebbero state in grado di reggersi da sole, come Stati arabi indipendenti.

La Gran Bretagna, Potenza mandataria in Palestina (il nome dato alla Giudea dall’Imperatore Adriano, a seguito della repressione della rivolta degli ebrei), era responsabile dell’attuazione della Dichiarazione Balfour, che favoriva «la creazione in Palestina di un focolare nazionale per il popolo ebraico». Il 24 luglio 1922, la Lega delle Nazioni, con 51 Stati membri, approvò all’unanimità i Mandati, riconoscendo ufficialmente «il legame storico del popolo ebraico con la Palestina e le basi perla ricostituzione del loro focolare nazionale in quella terra». La Palestina mandataria includeva anche il territorio di tutta l’attuale Giordania, ma quest’ultimo ne fu in seguito escluso.

94219897_10157976556731855_5912032816635314176_o

La Conferenza di Sanremo è quindi un evento storico di grande rilievo. Perla prima volta dalla distruzione di Gerusalemme nel primo secolo, le nazioni del mondo riconoscevano a pieno titolo il diritto legale del popolo ebraico alla Terra d’Israele, e gli conferivano l’autorevolezza del moderno diritto internazionale. Nel 1946, dopo la Seconda Guerra Mondiale, furono istituite le Nazioni Unite, che subentrarono alla Lega delle Nazioni, sperando di riuscire laddove essa aveva fallito. L’art. 8o della Carta delle Nazioni Unite stabilisce la continuità automatica dei «diritti di qualsivoglia stato e qualsivoglia popolo…». In questo modo veniva riaffermato il valore della Risoluzione di Sanremo quale strumento legale del sistema delle Nazioni Unite.

unnamed

La Conferenza di Sanremo è divenuta simbolo della profonda e lunga amicizia tra il popolo italiano e il popolo d’Israele. Nel 1945 la Brigata Ebraica della Palestina Mandataria, facente parte delle Forze Alleate, contribuì alla fine dell’occupazione nazista dell’Italia e alla sua Liberazione, raggiunta il 25 aprile 1945, esattamente 25 anni dopo la firma della Risoluzione di Sanremo.

Altri tre anni più tardi, il diritto degli ebrei ad avere uno Stato veniva pienamente realizzato, e nasceva lo Stato d’Israele. Tra i leader mondiali presenti a Sanremo nel 1920, sulla culla del nascituro Stato ebraico (fra cui il Primo Ministro britannico e quello francese, i rappresentanti giapponese e americano), il Presidente del Consiglio italiano Francesco Nitti fu probabilmente l’unico che visse abbastanza a lungo da poter assistere alla meraviglia della rinascita di Israele. Morì infatti nel 1953. Grazie Presidente Nitti. Grazie Italia.

 

(Corriere della Sera)

 

Condividi