La vendetta di Lapid contro Gantz
“Pronto a dare i voti a Netanyahu”

F130703DV212-e1524046740806-640x400

Yair Lapid e Benjamin Netanyahu

di Yossy Raav –

La vendetta è un piatto che si consuma freddo è un vecchio un film western del 1971, diretto da Pasquale Squitieri. Ed è questo quello  che deve aver pensato  il leader di Yesh Atid-Telem Yair Lapid che di certo non ha ancora digerito la mossa a sorpresa di Benny Gantz di formare un governo di unità nazionae con Netanyhan anche al costo di spaccare inesorabilmente Blu e Bianco.

l leader blu e bianco Benny Gantz e Benjamin Netanyahu firmano l'accordo di governo di unità

l leader blu e bianco Benny Gantz e Benjamin Netanyahu firmano l’accordo di governo di unità

Lapid a sorpresa ha annunciato che il suo partito sarebbe disposto a votato con Benjamin Netanyahu se il primo ministro annullasse l’accordo di rotazione con Gantz che dovrebbe entrare in vigore fra 18 mesi. Lapid contribuirebbe così a garantire la maggioranza necessaria per annullare il patto che fissa l’accordo di condivisione del potere di Netanyahu-Gantz e far cadere il governo.

La straordinaria promessa di Lapid ha suscitato una risposta furiosa da parte del partito Blu e Bianco di Gantz e un’accusa di Avigdor Liberman di Yisrael Beytenu che, così facendo, Lapid avrebbe salvato la pelle politica di Netanyahu. Lapid ha risposto che è stato Gantz a salvare Netanyahu collaborando con lui nella nuova coalizione, e che se, in fondo, “avremo l’opportunità di rovesciare il governo, ovviamente lo faremo”.

 

 

 

Condividi