L’allarmante denuncia di Ghozlan
“La Francia “copre” l’antisemitismo”

Sarah Halimi

Sarah Halimi

di Franco Meda –

Per la maggior parte della sua vita Sammy Ghozlan, 75 anni, ha lavorato con le autorità francesi contro il crimine.Per tredici anni ha guidato uno dei più importanti gruppi di sorveglianza degli ebrei francesi. L’Ufficio nazionale per la vigilanza contro l’antisemitismo (BNVCA) è specializzato nella documentazione dei crimini di odio contro gli ebrei e nell’aiutare le vittime a consegnare i trasgressori alla giustizia.

Sammy Ghozlan

Sammy Ghozlan

Ghozlan poi si è trasferito in Israele nel 2015. “In genere aveva fiducia nel sistema giudiziario francese, nonostante i suoi difetti ma ora le cose non sono più così. Qualcosa – ha detto Ghozlan- è cominciato a cambiare con l’ omicidio del 2017 a Parigi di Sarah Halimi, un medico ebreo. Si sono registrati una serie di fallimenti nella gestione della polizia e della giustizia. Oggi non ho più piena fiducia che i crimini di odio anti-semiti in Francia siano gestiti correttamente “.

antisemitismo-francia-pa-

L’ultima goccia è stata l’insolita decisione del mese scorso da parte del giudice che presiede il caso di omicidio di ordinare una terza valutazione psichiatrica dell’uomo che ha confessato di aver ucciso Halimi.

Ghozlan ha detto che era la prima volta che vedeva un giudice ordinare una valutazione indipendentemente dalla difesa. Per Ghozlan e altri ebrei francesi, questa vicenda è la chiare prova  che il “sistema” in Francia è riluttante a identificare e affrontare l’antisemitismo da parte dei musulmani. E questo nonostante non si contino ormai più le prove  che gli ebrei in Francia sono oggetto di persecuzione…  I procuratori inizialmente incriminarono Traore per omicidio colposo senza l’elemento aggravato di un crimine di odio. A seguito delle proteste degli ebrei francesi, l’elemento di crimine d’odio è stato aggiunto all’atto di accusa sei mesi dopo l’uccisione di Halimi. Il ministero della Giustizia e la polizia hanno costantemente rifiutato di discutere il caso mentre è in sospeso.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi