L’antisemitismo è come l’Ebola

F181113NS08-640x400

Una casa distrutta ad Askelot

  di Giulio Meotti –

Israele ha lasciato Gaza nel 2005. Da allora, gli unici ebrei presenti nella Striscia sono stati il caporale Gilad Shalit, tenuto prigioniero come un cane per quattro anni, e i corpi di altri soldati israeliani che Hamas conserva nei frigoriferi.

Giulio Meotti 5

Nel 2006, i terroristi palestinesi hanno lanciato su Israele 1.123 missili da Gaza; 2.427 missili nel 2007; 3.278 missili nel 2008 e cosí via… Da allora, più di 13.000 missili su Israele. Più di 400 in una sola notte. Di stamani la notizia che a Gaza sono stoccati 20.000 missili. Eppure, l’aggressione militare e terroristica contro Israele è l’unica al mondo, ripeto al mondo, in cui vasti pezzi dell’opinione pubblica occidentale parteggiano apertamente per i nemici che assediano e attaccano una democrazia.

F181113HP08-640x400

Possiamo far vedere tutte le immagini che vogliamo, dire che 100.000 israeliani stanotte hanno dormito nei bunker e che l’Iran arma i palestinesi, che Gaza è un Afghanistan, che i palestinesi non fiatano perchè non arriverebbero alla sera, possiamo mettere tutti i pezzi del puzzle al posto giusto, è come se non ci fosse nulla da fare. L’antisemitismo è come l’Ebola.

Condividi