L’appello dei vescovi a Israele
“Consentire ai cristiani di Gaza
a Natale di andare a Betlemme”

epa03042061 Christian pilgrims visit the Church of the Nativity, believed to be the site of Jesus' birth in the biblical West Bank city of Bethlehem on 23 December 2011, as Christian pilgrims started gathering in the traditional birthplace of Jesus Christ to attend the Christmas midnight mass. Bethlehem was readying itself 23 December for the annual influx of thousands of pilgrims intending to celebrate Christmas in the birthplace of Jesus Christ, according to tradition. An estimated 90,000 pilgrims are expected to visit the Holy Land for the festival, the Israeli Ministry of Tourism said. The majority of them will make their way to the southern West Bank city, joined by thousands more Christians who live or work in Israel and the Palestinian territories. EPA/ABED AL HASHLAMOUN

“Esortiamo le autorità israeliane a consentire, senza ulteriori indugi, ai Cristiani di Gaza di andare a Betlemme (Cisgiordania, ndr) per celebrare il Natale”. L’appello arriva dall’Assemblea degli Ordinari Cattolici di Terra Santa secondo cui se “a tutti i popoli del mondo” è consentito andarci per Natale, allora è anche diritto dei Cristiani di Gaza di festeggiare la nascita di Gesù Cristo nel suo luogo natale”. L’Assemblea ha denunciato che finora non c’è stata alcuna chiarezza da parte di Israele.

primopiano_9139
“Siamo stati alle prese la settimana scorsa con indiscrezioni riguardo il fatto se Israele – ha sottolineato l’Assemblea – avrebbe permesso ai cristiani di Gaza di arrivare a Betlemme e Gerusalemme per celebrare Natale. Mentre riscontri positivi al riguardo erano stati fatti, sempre la settimana scorsa, da autorità israeliane secondo cui erano in corso controlli di sicurezza per oltre 900 richieste da parte di Gaza di visitare Betlemme, fino ad ora (a meno di una settimana da Natale) nessun permesso è stato concesso”.

primopiano_9146

“E invece di ottenere dal Cogat (Coordinamento di governo israeliano sui Territori Occupati) una risposta chiara, la scorsa notte – ha continuato l’Assemblea – abbiamo avuto un messaggio vago che indica che ‘nessuna decisione finale è stata ancora presa al riguardo'”.

“In questa occasione vogliamo assicurare tutte le genti sulle nostre preghiere per una pace giusta in Medio Oriente in generale e in particolare – ha concluso l’Assemblea – tra Israeliani e Palestinesi”.

(Ansamed)

 

Condividi