Le contromosse della Russia
No-fly-zone sopra Lattakia
e i super missili S-300 ad Assad

60210

la Russia fornirà alla Siria i moderni S-300, molto più avanzati rispetto agli attuali S-200

di Giordano Stabile –

La Russia fornisce a Bashar al-Assad nuovi, sofisticati sistemi anti-aerei, istituisce una no-fly-zone sopra Lattakia chiude i cieli della Siria ai raid israeliani. E’ la conseguenza più clamorosa dell’abbattimento di un velivolo russo una settimana fa, durante una battaglia fra cacciabombardieri con la Stella di David e le difese siriane.

Giordano Stabile

Giordano Stabile

L’annuncio è stato dato dal ministro della Difesa Sergei Shoigu: la Russia fornirà alla Siria «entro due settimane» i moderni S-300, molto più avanzati rispetto agli attuali S-200.

Sergei Shoigu

Sergei Shoigu

È stato proprio un missile lanciato da una batteria siriana di S-200 a colpire per sbaglio il quadrimotore russo Ilysushin in ricognizione davanti a Lattakia. Domenica Mosca ha accusato formalmente Israele di essere responsabile dell’abbattimento e ieri sono arrivati i provvedimenti «drastici» annunciati da Vladimir Putin.

Israele ha ribattuto che la responsabilità era dei siriani, colpevoli di aver risposto al fuoco alla cieca. Il premier Benjamin Netanyahu ha ribadito che sono «la Siria e l’Iran» ad aver messo in pericolo i militari russi, ma non ha convinto il capo del Cremlino, deciso a blindare i cieli siriani per «garantire la sicurezza alle nostre forze armate».

l velivolo elettronico russo Il-20 dell'aeronautica russa con il numero di registrazione RF 93610,

Il velivolo elettronico Il-20 dell’aeronautica russa abbattuto in Siria

Sul banco degli imputati sono finiti però anche i sistemi obsoleti in dotazione ai siriani, sprovvisti del meccanismo di riconoscimento elettronico in grado di distinguere gli aerei nemici da quelli amici, il cosiddetto Identification Friend or Foe System. Ora tutti i sistemi in Siria ne saranno dotati. Le prime batterie di S-300 a essere consegnate ai siriani saranno quelle già presenti per difendere le basi russe.

index-6

Putin e Netanyahu

In realtà già nel 2013 Assad doveva ricevere gli S-300, ma Putin aveva bloccato la fornitura proprio su richiesta israeliana. Nel frattempo l’aviazione di Israele ha condotto centinaia di raid in Siria su basi e convogli dei Pasdaran e delle milizie sciite alleate. Il tutto con il tacito assenso di Mosca.

L’abbattimento dell’Ilyushin ha cambiato la situazione. Rispetto agli S-200 gli S-300 sono dotati di un radar molto più potente e di missili più veloci e agili, in grado di mettere in seria difficoltà gli F-16 israeliani.

L'aereo-invisibile-

L’aereo-invisibile-

Israele però dispone anche di una dozzina di F-35, cacciabombardieri a bassa tracciabilità radar. Finora l’aviazione israeliana li ha usati soltanto una volta, in un test operativo. Adesso i jet «invisibili» potrebbero essere la risposta agli S-300. Gli F-35 sono stati concepiti proprio per distruggere le difese aeree in raid notturni per poi permettere ai cacciabombardieri tradizionali di agire senza ostacoli.

 

(Stampa)

 

Condividi