Le guerre
che non vogliamo vedere

Ghouta

di Pierluigi Battista

Quale eccesso narcisistico e (un tempo si sarebbe detto) «eurocentrico» ci fa dire con tremebondo esorcismo che «corriamo il rischio» di una guerra, che «stiamo sfiorando la guerra», che l’umanità è «sull’orlo» di una guerra. Diciamo che la guerra ci lambisce ma, come ha notato Adriano Sofri sul Foglio, la guerra non ci lambisce affatto, per il semplice motivo che c’è già, le stragi ci sono già, le città rase al suolo ci sono già, i civili massacrati ci sono già.

Pierluigi Battista

Pierluigi Battista

Diciamo che corriamo il rischio della guerra solo quando entrano in gioco le potenze mondiali, o quando le nostre metropoli sono violentate dal terrorismo stragista, oppure quando assistiamo agli sbarchi di chi fugge disperato.

Ma nella nostra psicologia collettiva abbiamo eretto un muro solido tra noi e loro. La loro guerra lontana è un rombo di tuono, e se dobbiamo averne paura è perché ci «lambisce».

221

Goutha

Non sono guerra le carneficine di oltre sette anni che il carnefice Assad ha provocato in Siria, anche usando il gas contro il suo popolo. Non è guerra la demolizione di Aleppo. Non è guerra la decimazione dei curdi, equamente massacrati dai turchi, dai siriani, dagli iracheni filo-Teheran.

Non sono guerra i missili che in Libano Hezbollah, foraggiato dall’Iran, sta ammassando ai confini di Israele e l’Europa delle cancellerie inette e inesistenti si indignerà solo se Israele vorrà reagire al primo lancio di quei missili.

siria-afrin-curdi

Afrin

Per non infangarci abbiamo voluto che contro l’Isis a terra ci fossero solo i curdi. Ora che a terra a essere colpiti sono i «contractors» stranieri sale il nostro allarme.

Oltre trecentomila morti civili non sono guerra, sono per noi solo presagio di una guerra che ancora non vogliamo vedere. La crudeltà diventa un parametro di cui tener conto solo se siamo noi a esserne vittime.

Foto Vincenzo Livieri - LaPresse 25-01-2017 - Roma Manifestazione alla Sapienza per il primo anniversario della scomparsa di Giulio Regeni Vincenzo Livieri - LaPresse 25-01-2017- Roma News Demonstration for the commemoration of Giulio Regeni

Manifestazione alla Sapienza per la scomparsa di Giulio Regeni

Le stragi che già si consumano uccidono quantità immense di esseri umani, ma nella nostra insensibilità collettiva diventano quantità trascurabili.

Per difenderci ci confortiamo con terribili dittature adibite al mantenimento dell’ordine, e ci accorgiamo della loro ferocia solo quando a essere colpito è un ragazzo come Giulio Regeni. Siamo degli ipocriti, ma essendo degli ipocriti impauriti tremiamo se c’è il rischio che la guerra, che per «loro» c’è già, possa «lambire» i nostri confini. Il nostro linguaggio è lo specchio della nostra ipocrisia.

 ( Corriere della Sera )

 

Condividi