Le manette al “cacciatore di ebrei”

il-materiale-sequestrato-269447

di Roberto Salotti –

Una foto che lo ritrae, postata sul suo profilo Facebook e resa pubblica, forse per amplificarne l’effetto. In quella immagine Paolo Da Prato, panettiere 53enne di Lucca, con un’attività in un comune della Valle del Serchio, tiene in mano una pistola. Solo in seguito la Digos confermerà che era un giocattolo, una maldestra riproduzione di una Luger. Ma sono soprattutto le parole apparse a chiosa di quell’inquietante post ad aver convinto ad agire: “Cacciatore di ebrei”.

Erano appena cominciati allora i guai del commerciante, ritenuto dagli inquirenti un estremista di destra e simpatizzante di Forza Nuova: gli investigatori diretti dal vice questore Leonardo Leone scavano subito nella sua vita e inviano la segnalazione alla procura.

Da Prato viene iscritto nel registro degli indagati. Istigazione all’odio e alla violenza per motivi razziali e religiosi. Un’accusa grave, della quale Da Prato dovrà rispondere di fronte alla magistratura.

post-razzista-su-facebook-e-droga-in-casa-arrestato-commerciante-269444

il-materiale-sequestrato-269446

Ma la sorpresa nella sorpresa è arrivata soltanto   quando all’estremista di destra sono state messe le manette ai polsi. L’arresto è scattato dopo un blitz nella sua villetta, durante il quale la Digos – oltre a trovare la pistola, un coltello e una bandiera con la croce uncinata – ha scoperto quello che nessuno si sarebbe mai aspettato. Una vera e propria serra per la coltivazione e l’essiccazione della marijuana, che è costata a Da Prato un arresto in flagrante.

Tutto era iniziato alcuni mesi fa quando la Digos nota la foto “incriminata” di Da Prato. Il suo profilo era sotto attenzione: del resto sulla sua bacheca social, il panettiere non faceva mistero della sua “fede”, tra saluti fascisti, sfotto e foto che lo ritraevano perfino a Lucca Comics in mezzo a giovani che indossavano la camicia nera. Quelli stessi che alla Digos riuscirono a descrivere i due minorenni vestiti da Ss, il cui video aveva provocato in città aspre polemiche e sdegno.

(Luccaondiretta)

Condividi