Le ricette di Purim

Hamantaschen Cookies

Hamantaschen Cookies

di Francesca Filaferro

TASCHE DI AMMAN

Per la pasta:

250 g di farina

2 uova

4 cucchiai di olio

2 cucchiai di zucchero

1 pizzico di sale

Scorza di limone grattugiata

½ cucchiaino di lievito in polvere

Per il ripieno:

1 bicchiere di semi di papavero

½ bicchiere di zucchero

½ bicchiere d’acqua

1 cucchiaio di miele

Uvetta e noci tritate

Succo di limone

Cannella

I cucchiaio di olio

½ bicchiere di biscotti tritati

Giorgio Linda e Francesca Filaferro

Giorgio Linda e Francesca Filaferro

 

Mescolare gli ingredienti della pasta  e stenderla  fino ad ottenere una sfoglia non troppo sottile , che va tagliata a quadrati.

Cucinare insieme per qualche minuto tutti gli ingredienti del ripieno in modo da formare un impasto abbastanza denso. Con questo impasto , tiepido, riempire i quadrati , che vengono poi richiusi e sigillati n forma di triangolo. Cuocere a forno tiepido per mezz’ora.

PURIM

ORECCHIE DI AMMAN

Ingredienti:

2 uova

2 cucchiai di zucchero

2 cucchiai di olio

200 g di farina

3 cucchiai di rhum

1 pizzico di sale

Scorza grattugiata di limone

 

Impastare bene il tutto e fare una pasta morbida e liscia . Stenderla col mattarello in sfoglia il più sottile possibile. Ritagliare le “orecchie di Amman” in strisce o rettangoli e friggerle subito in olio caldo e abbondante. Scolarle , asciugarle e  servirle spolverate di zucchero a velo.

 

Giuliana Ascoli Vitali Norsa nella sua fondamentale opera “La cucina nella tradizione ebraica” cita anche questa versione:

“Dopo averle fritte si lasciano le Orecchi di Amman a raffreddare e intanto si fa sciogliere in un tegame mezzo chilo di zucchero con mezzo bicchiere d’acqua. Lo si lascia bollire per 5 minuti quindi vi si immergono le Orecchie , poche per volta. Dovranno restare nel tegame pochi istanti (giusto il tempo di dare un bollo) poi si rimuovono e si pongono in un piatto da portata. Per questa preparazione la sfoglia non dovrà essere tirata troppo sottile perché si romperebbero.”

Condividi