Le sette note della morte
Il Daesh in musica

 

canzonidaesh1

Allah u snack bar!”. Se non ci fosse da piangere rideremmo a crepapelle. E invece è tutto tragico, e tragicamente vero. Allah allo snack bar della macelleria musicale. Inneggiano più o meno così le anime color nere pece-morte di quei bastardi  infamidell’Isis, mentre premono il grilletto dei loro mitragliatori puntando la canna contro gli innocenti che non vestono una divisa e che nemmeno indossano i panni del nemico. O mentre tagliano le gole degli “infedeli”. Macelleria che passa anche attraverso la propaganda musicale. Non sapranno mai cosa sia davvero la musica e lo spartito dei Mendellsohn, dei Verdi, dei Puccini e degli Chopin. Perché sono solo macellai prestati al festival musicale dell’orrore.

canzonidaesh2

Istanbul docet. Loro sparano e basta. Ammazzano, massacrano, stuprano innocenti: eccola, finalmente la “linea rossa” tracciata da quel formidabile inquilino della Casa Bianca chiamato Barack Obama. Ecco dove anche gli Usa della sua amministrazione ci hanno portato. E pensare che c’è ancora chi pensa che Bush junior sia stato il peggior presidente degli Stati Uniti. Probabilmente lo fu: ma ancor prima di lui nella pattumiera della storia ci arriveràl’ineffabile idiota. Lui, Barack: e la sua corte dei miracoli.

Ma torniamo al tema: la musica.  Abbiamo provato ad ascoltare le canzoni-inni dell’Isis. In calce a quest’articolo troverete un file, provate a cliccarvici su e deliziatevi con quei canti: note che sanno di morte e di cadaveri sgozzati. Poi dice che uno che crede nella civiltà….
Ecco l’inno del Daesh (Isis). Leggete e fatevene un’idea:
” Un feroce conflitto. E vedrete, ci saranno battaglie nel cuore della vostra dimora. Per distruggere voi, la mia spada è stata affilata. Abbiamo marciato per la notte, per tagliare e macellare. Con il coltello della vendetta tracceremo la via per gli eletti. Con gli spettri della notte e i ragazzi che seminano il terrore. Sarà un’esplosione di dolore. Hai cominciato a combattere contro di me e per questo ti faremo assaggiare la nostra maledizione. La vendetta è arrivata. Verremo a voi con la macellazione e la morte.Riempiremo col vostro sangue rosso ogni strada. Con l’oscurità delle baionette ammasseremo i vostri cadaveri, come quelli dei cani. Siamo qui, siamo qui, siamo venuti, siamo venuti, abbiamo marciato con determinazione. E moriremo in piedi, come i leoni coraggiosi”.

canzonidaesh3
Ecco. Vi siete fatti un’idea?

Se non ve la siete ancora fatta, l’idea, ascoltate il files seguente, che è poi l’inno del demonio: trasuda paura e morte.https://www.youtube.com/watch?v=x0p7RMwviUY

Condividi