Leader dell’integralismo islamico
A Milano l’imam Abdel Mourou
che vuole “conquistare” la Tunisia

GettyImages-1160469581-870

Abdel Mourou

di Alberto Giannoni –

A volte ritornano. E Abdel Mourou torna oggi a Milano da protagonista: candidato alle elezioni presidenziali in Tunisia per Ennadha, partito che è considerato la versione locale dei Fratelli Musulmani. Torna al teatro Menotti per un evento annunciato sulla pagina del movimento.

Alberto Giannoni 2

Alberto Giannoni

Era già passato da Milano, il settantunenne tunisino, nel fine settimana di Pasqua, per la contestata «fiera della Speranza» di Islamic Relief. La ong islamica aveva organizzato in via Mecenate un’ambiziosa manifestazione con «ospiti internazionali». I nomi centellinati a dovere avevano in effetti una certa notorietà, ma erano a dir poco controversi, tanto che il Consiglio regionale lombardo approvò una mozione unanime che considerava «inammissibile» una manifestazione con «personaggi che possano diffondere idee in palese contrasto con la Costituzione».

Jasem Al Mutawa

Jasem Al Mutawa

Si parlava soprattutto di Jasem Al Mutawa che era stato presentato come esperto in mediazione familiare, ma fu riconosciuto da uno dei massimi esperti di islamismo, Lorenzo Vidino, come protagonista di una performance tv di qualche anno fa, una grottesca dissertazione sulle percosse e la «disciplina» in famiglia. I riflettori si accesero su questo imam, tanto che Islamic Relief fu indotta a precisare che Mutawa «non ha mai invogliato né giustificato la violenza sulle donne».

Rajab Zaki

Rajab Zaki

Gli altri personaggi, tuttavia, non erano molto più rassicuranti. Fra loro c’era Rajab Zaki, indicato da Vidino come «l’imam della moschea di Finsbury Park, considerato l’epicentro dei Fratelli Musulmani inglesi» e c’era appunto Abdel Mourou, definito allora come «leader spirituale di Al Nahda, sostanzialmente la versione tunisina dei Fratelli Musulmani».

Mounir Baatour

Mounir Baatour

Poco meno di un mese fa, il partito ha scelto Mourou attualmente presidente ad interim del Parlamento come candidato alle presidenziali che saranno celebrate il 15 settembre, dopo una campagna lampo che si è aperta dopo la morte il 25 luglio dell’anziano Mohamed Essebsi, laico, primo presidente eletto nella fragilissima democrazia tunisina.

Davide Romano

Davide Romano

La commissione per le elezioni, due settimane fa, ha ammesso 26 candidature, rigettando quella di Mounir Baatour, avvocato, militante per i diritti degli omosessuali e liberale. Anche Baatour è passato da Milano, partecipando al congresso dell’associazione radicale «Certi diritti» e a un incontro nella sinagoga Beth Shlomo. Di segno molto diverso il passaggio e la candidatura di Mourou, inevitabilmente associata alla Fratellanza.

Gianmarco Senna

Gianmarco Senna

«Il fatto che venga a Milano fare campagna elettorale mi preoccupa» dice Davide Romano che è stato assessore alla Cultura della Comunità ebraica ed è portavoce di Beth Shlomo. «Spero nessuno sottovaluti la presenza in città di una rete di tale organizzazione. Non sottovaluta affatto il problema Gianmarco Senna -capolista della Lega alle Regionali e oggi presidente di commissione al Pirellone-.  Siamo chiari e diretti dice questo imam non è il benvenuto a Milano. Tutti noi conosciamo le posizioni di questo partito islamista sulla condizione femminile, per esempio, e verso Israele. Non c’è spazio da noi per gente simile»

(Giornale)

 

Condividi