L’ennesima vergogna firmata Onu

timthumb.php_-720x426

I 47 paesi membri del Consiglio Onu per i diritti umani riuniti  a Ginevra hanno approvato 5 risoluzioni contro Israele, due sulla Siria e una sola ciascuno su Sud Sudan, Myanmar, Iran e Corea del Nord.

haley_nikki

Nikki Haley

“Quando il Consiglio tratta Israele peggio di questi paesi – ha commentato l’ambasciatrice Usa all’Onu, Nikki Haley – è il Consiglio stesso che discredita se stesso e risulta indegno del proprio nome. Molti paesi convengono sul fatto che l’agenda del Consiglio è grossolanamente faziosa nei confronti di Israele, ma pochi sono disposti a combatterla. Quando accade ciò che è accaduto oggi, il Consiglio non adempie al proprio dovere di difendere i diritti umani in tutto il mondo”.

Emmanuel Nahshon

Emmanuel Nahshon

“Il Consiglio Onu per i diritti umani è un’ipocrisia, una presa in giro dei nobili scopi che finge di rappresentare – ha scritto su Twitter il portavoce del ministero degli esteri israeliano Emmanuel Nahshon – È una piattaforma esclusivamente anti-israeliana, manipolata da dittature sanguinarie che nascondono le loro enormi violazioni dei diritti umani dando addosso a Israele”.

Danny Danon

Danny Danon

Il rappresentante d’Israele all’Onu Danny Danon ha detto che “ci saranno conseguenze significative in seguito alle votazioni pregiudizialmente anti-israeliane del Consiglio Onu per i diritti umani. Queste azioni contro Israele sono ipocrite e causano danni irreparabili alla causa di coloro che veramente si preoccupano delle vere violazioni dei diritti umani in tutto il mondo”.

(Israelenet)

Condividi