L’incredibile scelta di Modena
Il Comune conferma il patrocinio
alla manifestazione Bds

in dex

di Riccardo Ghezzi

Qualche giorno fa abbiamo dato notizia di un evento patrocinato dal comune di Modena. Tra gli organizzatori, anche il movimento Bds (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni per Israele).
Il Comune di Modena ha deciso di prendere posizione, rispondendo alle polemiche a gli articoli apparsi sulla stampa locale. Pubblichiamo integralmente il comunicato del Comune:

In relazione alla richiesta di spiegazioni di Noemi Di Segni, Presidente delle Comunità Ebraiche Italiane, e di Tiziana Ferrari, Presidente Comunità ebraica di Modena, l’Amministrazione comunale precisa di avere accordato il patrocinio non oneroso a un’iniziativa culturale tesa ad approfondire un tema ampiamente trattato dai media nazionali ed internazionali.

Rccardo Ghezzi 2

Rccardo Ghezzi

Il Comune non è né organizzatore, né co-organizzatore. L’iniziativa è stata ideata ed organizzata da associazioni che non da oggi, né da ieri, dialogano fruttuosamente col Comune a vario titolo: da Cgil e Nexus ad Associazione Modena incontra Jenin, Overseas, Pax Christi, Gavci ed altre ancora. Sono associazioni ben note, di diversa provenienza, che si occupano da decenni di pace, sviluppo, cooperazione internazionale e gestiscono progetti didattici ed umanitari. Aggiungiamo che l’associazione cui fanno riferimento i due firmatari della lettera indirizzata al Comune, a Modena non ha né sedi né altri legami, e pur figurando nell’ampio elenco dei soggetti organizzatori, non è previsto l’intervento di suoi esponenti in quella serata.

Il patrocinio, a titolo non oneroso, è quindi stato accordato ad un evento che parla di un tema rilevante e con ospiti di qualità come Fausto Gianelli e Moni Ovadia: non è un giudizio di merito su quelle che saranno le tesi e le opinioni dei relatori, ma è palese che quel convegno sarà un momento di discussione in cui – come doveroso – non troveranno posto idee antiebraiche, religione anzi professata da una parte dei relatori.

2 agosto_B copia

Modena è una città di pace, libera e democratica. Come noto, la storia ed i valori di Modena condannano fermamente l’antisemitismo, e sono orientati al rispetto della piena libertà religiosa e di valori: questo è un punto fermo. Sul resto, la libera discussione è un presupposto di libertà e democrazia cui Modena non intende rinunciare.”

Come i più attenti lettori avranno notato, il Comune di Modena difende le figure di Gianelli e Ovadia, difende l’evento e i relatori, si scaglia contro l’antisemitismo. Non ha però assolutamente nulla da dire sulla questione più importante: gli organizzatori, tra i quali, come detto, figura il Movimento Bds di Bologna. Un Movimento che vuole boicottare uno stato sovrano. Ci sarebbe piaciuto qualche chiarimento in merito.

(L’Informale)

 

Condividi