L’ipocrita grancassa
alle spalle di una tragedia

repubblicabologna_febbraio2012_1_2

Graffito antisemita su un muro accanto alla facoltà di Lettere e Filosofia di Bologna

di Giulio Meotti –

Quando scriveranno articoli su articoli sugli ebrei uccisi in Europa e sull’antisemitismo quotidiano che va avanti da vent’anni a causa dell’immigrazione di massa e dell’islamizzazione, quando attaccheranno ferocemente i teppisti rossi che offendono la Brigata Ebraica ogni 25 aprile, quando si opporranno a ogni forma di delegittimazione e boicottaggio di Israele.

Livorno, scritte antisemite al banco del mercato

Livorno, scritte antisemite al mercato

Quando renderanno conto delle mascalzonate antisemite dei partiti di sinistra in Europa, quando denunceranno l’Iran e i suoi tentacoli terroristici, quando si faranno in quattro contro l’antisemitismo alle Nazioni Unite e a Bruxelles, solo allora prenderò sul serio questa grancassa dei benpensanti e degli indignados sull’antisemitismo in Italia.

Fino ad allora, la considererò come la specie più subdola e banale di ipocrisia e politichese alle spalle di una tragedia.

 

Condividi