L’Iran all’Onu
“Continueremo le nostre attività
relative a missili balistici”

90213658-2852-11e9-9807-b94b2ddfa827_4c9275f3281139eb1e455574079d4d1e-1644-knKB-U11202077679147xJF-1024x576@LaStampa.it.jpg f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=8e24ad8

“L’Iran è determinato a continuare risolutamente le sue attività relative a missili balistici e a veicoli di lancio nello spazio”, si legge in una lettera dell’inviato iraniano all’Onu Majid Takhte Ravanchi, twittata dal ministro degli esteri iraniano Mohammad Javad Zarif.

iranian_ballistic_missile_ranges_n

In poche parole una immediata risposta alla  lettera dello scorso 21 novembre  degli ambasciatori all’Onu di Francia, Germania e Regno Unito che hanno sollecitato il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres a informare il Consiglio di Sicurezza che l’attività dell’Iran sui missili balistici Shahab-3 (in grado di portare testate nucleari) è “in contrasto” con la risoluzione che ratificò l’accordo del 2015 sul nucleare di Teheran e che esortava l’Iran “a non intraprendere alcuna attività relativa a missili balistici progettati per portare armi nucleari”

Condividi